Anticorruzione: Anac fornisce chiarimenti sul proprio raggio d’azione 

Anticorruzione: Anac fornisce chiarimenti sul proprio raggio d’azione 

Con il Comunicato 27 aprile 2017, il Presidente dell’Anac ha voluto fornire chiarimenti sul perimetro entro il quale si iscrive l’azione dell’Autorità, evidenziando le tipologie di segnalazioni cui non possono far seguito attività di vigilanza o verifica, in quanto l’oggetto è estraneo alle competenze assegnate dalla legge.

Nello specifico, a titolo esemplificativo, sono di competenza dell’Autorità le segnalazioni aventi ad oggetto:

– i contratti pubblici, finalizzate al controllo sull’affidamento e sull’esecuzione dei contratti pubblici, anche di interesse regionale, di lavori, servizi e forniture nei Settori ordinari e nei Settori speciali e sui contratti secretati, e l’attività di precontenzioso, secondo le disposizioni del Dlgs. n. 50/16;

– i piani e le misure Anticorruzione, per il controllo sull’applicazione e sull’efficacia delle misure di prevenzione della corruzione adottate dalle Pubbliche Amministrazioni e dalle Società/Enti in controllo o a partecipazione pubblica, in particolare per la verifica dell’avvenuta adozione e dell’efficacia del “Piano triennale di prevenzione della corruzione”;

– gli obblighi di Trasparenza assicurati mediante la pubblicazione, sui siti web istituzionali delle Pubbliche Amministrazioni, dei dati, documenti, e informazioni richiesti dalla Legge n. 190/12 e dal Dlgs. n. 33/13, come modificati dal Dlgs. n. 97/16;

– gli incarichi e l’imparzialità dei pubblici funzionari, per la vigilanza sul rispetto delle disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità nelle Pubbliche Amministrazioni e negli Enti di diritto privato in controllo pubblico ai sensi del Dlgs. n. 39/13, sulle ipotesi di c.d. “pantouflage”, di cui all’art. 53, comma 16-ter, del Dlgs. n. 165/01, sull’imparzialità/conflitti di interesse dei pubblici funzionari e sull’adozione e sul rispetto dei Codici di comportamento;

– le segnalazioni di “whistleblower”, per la trattazione di eventuali illeciti segnalati da dipendenti pubblici ai sensi dell’art. 54, comma 4-bis, del Dlgs. n. 165/01, secondo le indicazioni di fornite dall’Anac con le linee guida contenute nella Determinazione n. 6/15.


Related Articles

Cassazione: sì alla riproposizione in appello dei motivi di I grado

Nella Sentenza n. 3451 del 14 febbraio 2014, della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno affermato che la

Produzione gestione e conservazione dei documenti informatici con rilevanza tributaria: pubblicato in G.U. l’atteso Decreto ministeriale

Il 26 giugno 2014 è stato pubblicato nella G.U. n. 146 il nuovo Dm. Ministero dell’Economia e delle Finanze 17

Spese di viaggio Amministratori residenti fuori sede: il rimborso spetta solo per viaggi “necessari” all’esercizio del mandato

Nella Delibera n. 21 del 25 gennaio 2017 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere sulla corretta