Anticorruzione: nomina del Responsabile dell’Anagrafe per la stazione appaltante

Anticorruzione: nomina del Responsabile dell’Anagrafe per la stazione appaltante

L’Anac, con il Comunicato 28 dicembre 2017, constatata l’esiguità del numero dei Responsabili dell’Anagrafe per la stazione appaltante (“Rasa”) abilitati ad operare rispetto al totale di stazioni appaltanti attive nella “Anagrafe unica delle stazioni appaltanti” (“Ausa”), ha richiamato i Responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza (“Rpct”) ad adempiere in merito.

In proposito, si ricorda che nel “Piano nazionale Anticorruzione 2016”, approvato con Determinazione Anac n. 831/16, l’individuazione del “Rasa” è individuata come misura organizzativa di Trasparenza in funzione di prevenzione della corruzione. In caso di mancata indicazione nel “Ptct” del nominativo del “Rasa”, previa richiesta di chiarimenti al “Rpct”, l’Autorità può esercitare il potere di ordine ai sensi dell’art. 1, comma 3, della Legge n. 190/12, nei confronti dell’Organo amministrativo di vertice o del “Rpct”, nel caso l’omissione dipenda da quest’ultimo. Resta salva la facoltà delle Amministrazioni, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, di valutare l’opportunità di attribuire ad un unico soggetto entrambi i ruoli (“Rasa” e “Rpct”) con le diverse funzioni previste, rispettivamente, dal Dl. n. 179/12 e dalla normativa sulla Trasparenza, in relazione alle dimensioni ed alla complessità della propria struttura.

Con precedente Comunicato del Presidente Anac 20 dicembre 2017, rubricato “Richiesta ai Responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza sulla nomina del Responsabile dell’Anagrafe per la stazione appaltante (‘Rasa’)”, si richiamano gli “Rpct” a verificare che il “Rasa”, indicato nel “Piano triennale per la prevenzione della corruzione”, si sia attivato per l’abilitazione del profilo utente di “Rasa” secondo le modalità operative indicate nel Comunicato 28 ottobre 2013.

Il “Rpct” è tenuto altresì a comunicare tempestivamente all’Autorità gli impedimenti che hanno determinato la mancata individuazione del “Rasa” nel “Ptct” ed il perdurare degli stessi. La nota di comunicazione deve indicare, nell’oggetto, “’Rasa’/Impedimenti”.


Related Articles

Titoli di sosta: qual è il corretto trattamento fiscale delle ricevute emesse dall’intermediario per le provvigioni sulle vendite?

Il testo del quesito: “Come Azienda affidataria, nel regime concessorio ‘in house providing’, della gestione della sosta a pagamento, vendiamo

Gare Pubblica Amministrazione: nella fase contrattuale la giurisdizione passa al Giudice ordinario

Nell’Ordinanza n. 16418 del 4 luglio 2017 la Corte di Cassazione chiarisce che spetta al Giudice amministrativo, nelle procedure a

Emolumenti degli Organi collegiali delle Asp: confermata l’applicazione del vincolo introdotto dal Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 40 del 20 giugno 2018 della Corte dei conti Toscana viene chiesto un parere riguardante gli emolumenti