Apertura di Struttura sanitaria privata non accreditata

Apertura di Struttura sanitaria privata non accreditata

Nella Sentenza n. 819 del 15 aprile 2019 del Tar Catanzaro, i Giudici rilevano che per essenziali ragioni che attengono, non solo alla tutela della salute – quale irrinunciabile interesse della collettività (art. 32 della Costituzione) – ma anche alla tutela della concorrenza, l’autorizzazione per la realizzazione delle Strutture sanitarie e socio-sanitarie che non sono in regime di accreditamento, ai sensi dell’art. 8-ter, comma 3, del Dlgs. n. 502/1992, deve necessariamente restare inserita nell’ambito della programmazione regionale, in quanto la verifica di compatibilità, effettuata dalla Regione, ha proprio il fine di accertare l’armonico inserimento della struttura in un contesto di offerta sanitaria rispondente al fabbisogno complessivo e alla localizzazione territoriale delle strutture presenti in ambito regionale, anche al fine di garantire meglio l’accessibilità ai servizi e di valorizzare le aree di insediamento prioritario delle nuove strutture. Pertanto, è illegittimo l’operato dell’Amministrazione allorché, a seguito dell’annullamento per difetto di motivazione del provvedimento di diniego, venga concessa l’autorizzazione all’esercizio dell’attività socio-sanitaria in assenza di accertamenti circa la localizzazione territoriale delle strutture presenti in ambito regionale, anche al fine di meglio garantire l’accessibilità ai servizi e valorizzare le aree di insediamento prioritario di nuove strutture.


Related Articles

Tarsu: è quinquennale il termine decadenziale

Nella Sentenza n. 832 del 21 ottobre 2019 della Ctr Caltanissetta, i Giudici chiariscono che alla Tarsu si applica il

Demanio idrico: illegittima l’applicazione di un canone per l’occupazione

  Nella Sentenza n. 511 del 21 maggio 2015 del Tar Liguria, i Giudici osservano che l’art. 93, comma 1,

“Pareggio di bilancio”: il punto della Corte Marche sul rispetto dei vincoli recati dalla nuova disciplina

Nella Delibera n. 33 del 23 marzo 2017 della Corte dei conti Marche, un Comune ha chiesto un parere in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.