Appalti “a corpo”: conta il prezzo finale offerto

Appalti “a corpo”: conta il prezzo finale offerto

Nella Sentenza n. 5161 del 3 settembre 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa riguarda una Società, la quale ha bandito una gara per l’affidamento a corpo di alcuni lavori di manutenzione straordinaria. I Giudici sottolineano che in siffatta tipologia di appalti il corrispettivo è determinato in una somma fissa e invariabile derivante dal ribasso offerto sull’importo a base d’asta. Elemento essenziale della proposta economica è quindi il solo importo finale offerto, mentre i prezzi unitari indicati nel cd. “Elenco prezzi”, tratti dai listini ufficiali (che possono essere oggetto di negoziazione o di sconti sulla base di svariate circostanze), hanno un valore meramente indicativo delle voci di costo che hanno concorso a formare il detto importo finale. Ne consegue che le indicazioni contenute nel cd. “Elenco prezzi” sono destinate a restare fuori dal contenuto essenziale dell’offerta e quindi dal contratto da stipulare. Ciò peraltro trova conferma nell’art. 59, comma 5, del Dlgs. n. 50/2016, il quale (riproducendo l’analoga norma contenuta nell’art. 53, comma 4, del Dlgs. n. 163/2006), stabilisce che “per le prestazioni a corpo il prezzo convenuto non può variare in aumento o in diminuzione, secondo la qualità e la quantità effettiva dei lavori eseguiti”. In definitiva quindi, negli appalti a corpo in cui la somma complessiva offerta copre l’esecuzione di tutte le prestazioni contrattuali, il cosiddetto “Elenco prezzi” analitico risulta irrilevante.


Related Articles

Autovelox: sanzioni valide solo se la postazione è segnalata massimo 4 chilometri prima da cartello o segnale luminoso

Nell’Ordinanza n. 26633 del 22 ottobre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che “la validità delle

Appalti: la proroga di un termine non può essere disposta dopo la sua scadenza

Nella Sentenza n. 2816 del 17 settembre 2015 del Tar Puglia, i Giudici affermano il principio generale, valevole a fortiori

Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Con il Decreto 16 settembre 2015, pubblicato sulla G.U. n. 223 del 25 settembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.