Appalti “a corpo”: conta il prezzo finale offerto

Appalti “a corpo”: conta il prezzo finale offerto

Nella Sentenza n. 5161 del 3 settembre 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa riguarda una Società, la quale ha bandito una gara per l’affidamento a corpo di alcuni lavori di manutenzione straordinaria. I Giudici sottolineano che in siffatta tipologia di appalti il corrispettivo è determinato in una somma fissa e invariabile derivante dal ribasso offerto sull’importo a base d’asta. Elemento essenziale della proposta economica è quindi il solo importo finale offerto, mentre i prezzi unitari indicati nel cd. “Elenco prezzi”, tratti dai listini ufficiali (che possono essere oggetto di negoziazione o di sconti sulla base di svariate circostanze), hanno un valore meramente indicativo delle voci di costo che hanno concorso a formare il detto importo finale. Ne consegue che le indicazioni contenute nel cd. “Elenco prezzi” sono destinate a restare fuori dal contenuto essenziale dell’offerta e quindi dal contratto da stipulare. Ciò peraltro trova conferma nell’art. 59, comma 5, del Dlgs. n. 50/2016, il quale (riproducendo l’analoga norma contenuta nell’art. 53, comma 4, del Dlgs. n. 163/2006), stabilisce che “per le prestazioni a corpo il prezzo convenuto non può variare in aumento o in diminuzione, secondo la qualità e la quantità effettiva dei lavori eseguiti”. In definitiva quindi, negli appalti a corpo in cui la somma complessiva offerta copre l’esecuzione di tutte le prestazioni contrattuali, il cosiddetto “Elenco prezzi” analitico risulta irrilevante.


Related Articles

Incarichi di architettura e d’ingegneria: l’Anac detta le proprie indicazioni

Sulla G.U. del 29 settembre 2016 sono state pubblicate le “Linee guida” dell’Anac relative all’affidamento dei servizi di architettura ed

Immigrazione: siglata la “Carta per la buona accoglienza”, nello “Sprar” la chiave per gestire l’emergenza

“Per superare la fase emergenziale dell’accoglienza e arrivare a strutturare un sistema stabile ed efficace, la strada è quella di

Abuso del diritto: validità delle operazioni che comportano risparmi d’imposta leciti

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 439 del 14 gennaio 2015, ha statuito che “nei processi di ristrutturazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.