Appalti: la proroga del contratto a condizioni diverse da quelle originarie costituisce nuovo affidamento

Appalti: la proroga del contratto a condizioni diverse da quelle originarie costituisce nuovo affidamento

La possibilità di proroga del servizio oggetto dell’appalto, spesso prevista nella lex specialis di gara, per un ulteriore termine predefinito, può essere utilizzata liberamente dall’Ente purché le condizioni di affidamento rimangano le medesime.

Diversamente, si assiste ad un nuovo affidamento senza gara, disposto in violazione delle rigide condizioni in cui un siffatto affidamento è consentito.

Con tale principio il Tar Abruzzo L’Aquila, Sezione I, con la Sentenza 19 marzo 2015, n. 182, ha ritenuto illegittima la proroga di un affidamento per un ulteriore periodo di 30 mesi alla quale tuttavia sono state applicate differenti condizioni economiche.

Se infatti il Tar

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contratto di “partenariato pubblico-privato” con prevalente allocazione dei rischi a carico della P.A.: come contabilizzarlo?

  Nella Delibera n. 248 del 21 settembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere riguardante la

Iva: una interessante Risposta dell’Agenzia riferita al regime fiscale da applicare al trasferimento del diritto di superficie su terreni e fabbricati

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 200 del 3 luglio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine al trattamento fiscale,

Mobilità per interscambio: possibile anche se l’Ente non ha rispettato i tempi medi di pagamento

 Corte dei conti Umbria, Delibera n. 147 del 12 novembre 2015 Nella fattispecie in esame, un Comune chiede se, pur essendo