Appalti pubblici: le indicazioni della Commissione Ue destinate ai Funzionari pubblici

Appalti pubblici: le indicazioni della Commissione Ue destinate ai Funzionari pubblici

Identificare ed evitare gli errori più comuni commessi negli appalti pubblici relativi a progetti cofinanziati dai Fondi strutturali e d’investimento europei: questo lo scopo delle “Linee guida” stilate e diffuse nei giorni scorsi dalla Commissione Ue.

Il Manuale, rivolto ai Funzionari coinvolti nella gestione dei Fondi strutturali e di investimento europei, mira a prevenire errori comuni e a diffondere le migliori pratiche per l’esecuzione delle procedure d’appalto.
Pur non fornendo un’interpretazione giuridica della normativa Ue pertinente, il Documento – si legge in una Nota pubblicata su www.europafacile.netcostituisce per i Funzionari che si occupano di appalti un utile strumento che, grazie a consigli pratici, li guida nelle fasi in cui gli errori sono più frequenti. Esso presenta inoltre una serie di buone pratiche, esempi concreti, spiegazioni su temi specifici, studi di casi e modelli. Per facilitare l’uso della guida sono stati inseriti anche punti di allerta ed elementi interattivi con link ai pertinenti testi legislativi e ad altri documenti utili”.

La versione italiana delle “Linee guida” in questione può essere scaricata al link http://www.europafacile.net/SchedaNews.asp?NewsId=5787.


Related Articles

Transazione: non è una fattispecie di riconoscimento di debito fuori bilancio

Nella Delibera n. 123 del 24 settembre 2015 della Corte dei conti Umbria, con il primo quesito un Comune chiede

Mobilità Province: pubblicati i posti disponibili e i nomi dei lavoratori coinvolti

Il Ministero per la Semplificazione e la P.A. ha reso noto il 10 marzo 2016, sul Portale mobilita.gov.it, il quadro

Censimento permanente Istat: oltre metà dei dipendenti comunali è donna ma al vertice la “quota rosa” non raggiunge il 15%

Il 53,2% del personale impiegato negli 8.011 Comuni italiani è di sesso femminile. Guardando agli organi di vertice però, nell’85,4%