Appalti pubblici: pubblicato il nuovo Regolamento per l’attività di vigilanza dell’Anac

Appalti pubblici: pubblicato il nuovo Regolamento per l’attività di vigilanza dell’Anac

L’Anac ha pubblicato, sul proprio sito istituzionale, il 14 luglio 2017, il nuovo “Regolamento sull’esercizio dell’attività di vigilanza collaborativa in materia di contratti pubblici”.

Il Documento, che è stato oggetto di consultazione pubblica, tiene conto delle prassi applicative sviluppatesi nell’attuazione dei molteplici Protocolli di vigilanza collaborativa con le stazioni appaltanti, cercando di non perdere di vista l’importanza di garantire snellezza procedimentale e tempestività d’intervento.

In estrema sintesi il Regolamento:

– specifica la griglia di presupposti per la valutazione di ammissibilità delle istanze di vigilanza collaborativa, in attuazione della previsione dell’art. 213, comma 3, lett. h), del Dlgs. n. 50/16, in base alla quale l’attività di vigilanza collaborativa deve essere svolta “per affidamenti di particolare interesse”;

– descrive il procedimento attraverso il quale si svolge l’azione di vigilanza collaborativa, con l’indicazione dei soggetti coinvolti, delle modalità di attivazione e di espletamento della vigilanza sulle singole gare previa stipula con le stazioni appaltanti interessate di Protocolli di vigilanza collaborativa;

– indica la tipologia di atti dell’Autorità che vengono emanati a conclusione dell’attività di vigilanza (osservazioni);

– garantisce un adeguato bilanciamento tra l’esigenza di massima celerità dell’azione di vigilanza collaborativa, che implica un procedimento semplificato, e le garanzie del contraddittorio;

– definisce gli opportuni raccordi con l’esercizio di altre forme di vigilanza da parte dell’Autorità.

Il nuovo assetto regolamentare, alla luce delle indicazioni normative, è definito dall’Autorità “più funzionale a garantire che le attività di vigilanza preventiva vengano svolte in modo efficace ed efficiente, concentrandosi su opere pubbliche, forniture o servizi che presentano aspetti critici sotto il profilo della scelta e gestione della procedura selettiva nonché del mercato o delle circostanze di riferimento”.

Nella redazione del testo sono state tenute in considerazione le indicazioni contenute nel Parere reso dal Consiglio di Stato sulla regolamentazione dell’azione di vigilanza generale dell’Autorità.


Related Articles

Refezione scolastica: la clausola che prevede la disponibilità di un centro di cottura è espressione del livello minimo di capacità

Nella Sentenza n. 5499 del 24 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici si sono pronunciati sul ricorso proposto

Amministrazione di Ente di diritto privato in controllo pubblico: ecco le richieste avanzate da Anac al Governo

Il Consiglio dell’Anac ha approvato il 18 gennaio 2017 un Atto di segnalazione (n. 1/2017) con cui chiede un intervento

Personale P.A.: le indicazioni Inps sulle novità normative in materia di congedo di maternità

Con la Circolare n. 69 del 28 aprile 2016, l’Inps ha fornito chiarimenti relativi alle novità introdotte dagli artt. 2,