Appalti: separazione tra offerta tecnica ed offerta economica

Appalti: separazione tra offerta tecnica ed offerta economica

Nella Sentenza n. 4342 del 25 giugno 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla separazione tra offerta tecnica ed offerta economica, ed in particolare ribadiscono gli indirizzi giurisprudenziali consolidati in materia, secondo cui:

  • il cd. “Principio di separazione” tra offerta tecnica e offerta economica, denominato anche come “divieto di commistione”, risponde alla finalità di garantire la segretezza dell’offerta economica ed è perciò funzionale ad evitare che l’offerta tecnica contenga elementi che consentano di ricostruire, nel caso concreto, l’entità dell’offerta economica;
  • coerente con tale finalità è l’affermazione per la quale il divieto non va inteso in senso assoluto, bensì relativo, con indagine da condurre in concreto, in riferimento alla detta funzione;
  • il divieto in parola inoltre non può essere interpretato in maniera indiscriminata, al punto da eliminare ogni possibilità di obiettiva interferenza tra l’aspetto tecnico e quello economico dell’appalto posto a gara, attesa l’insussistenza di una norma di legge che vieti l’inserimento di elementi economici nell’offerta tecnica, a meno che uno specifico divieto non sia espressamente ed inequivocabilmente contenuto nella legge di gara;
  • possono essere inseriti nell’offerta tecnica voci a connotazione (anche) economica o elementi tecnici declinabili in termini economici se rappresentativi di soluzioni realizzative dell’opera o del servizio oggetto di gara;

si è ammessa l’indicazione nell’offerta tecnica di “alcuni elementi economici, resi necessari dagli elementi qualitativi da fornire, purché tali elementi economici non consentano di ricostruire la complessiva offerta economica” o purché non venga anticipatamente reso noto il “prezzo” dell’appalto.


Related Articles

Abuso del diritto: validità delle operazioni che comportano risparmi d’imposta leciti

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 439 del 14 gennaio 2015, ha statuito che “nei processi di ristrutturazione

Servizi pubblici locali: non è possibile l’affidamento diretto alle Cooperative sociali

Nella Sentenza n. 637 del 6 luglio 2015 del Tar Emilia Romagna, Bologna, Sezione Seconda, i Giudici emiliani affermano l’illegittimità

Società pubbliche: anche il Sindaco è responsabile in caso di cattiva gestione della partecipata

Nella Sentenza n. 34 del 25 maggio 2015 della Corte dei conti Liguria, la Sezione condanna il Presidente e gli

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.