Appalti: separazione tra offerta tecnica ed offerta economica

Appalti: separazione tra offerta tecnica ed offerta economica

Nella Sentenza n. 4342 del 25 giugno 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla separazione tra offerta tecnica ed offerta economica, ed in particolare ribadiscono gli indirizzi giurisprudenziali consolidati in materia, secondo cui:

  • il cd. “Principio di separazione” tra offerta tecnica e offerta economica, denominato anche come “divieto di commistione”, risponde alla finalità di garantire la segretezza dell’offerta economica ed è perciò funzionale ad evitare che l’offerta tecnica contenga elementi che consentano di ricostruire, nel caso concreto, l’entità dell’offerta economica;
  • coerente con tale finalità è l’affermazione per la quale il divieto non va inteso in senso assoluto, bensì relativo, con indagine da condurre in concreto, in riferimento alla detta funzione;
  • il divieto in parola inoltre non può essere interpretato in maniera indiscriminata, al punto da eliminare ogni possibilità di obiettiva interferenza tra l’aspetto tecnico e quello economico dell’appalto posto a gara, attesa l’insussistenza di una norma di legge che vieti l’inserimento di elementi economici nell’offerta tecnica, a meno che uno specifico divieto non sia espressamente ed inequivocabilmente contenuto nella legge di gara;
  • possono essere inseriti nell’offerta tecnica voci a connotazione (anche) economica o elementi tecnici declinabili in termini economici se rappresentativi di soluzioni realizzative dell’opera o del servizio oggetto di gara;

si è ammessa l’indicazione nell’offerta tecnica di “alcuni elementi economici, resi necessari dagli elementi qualitativi da fornire, purché tali elementi economici non consentano di ricostruire la complessiva offerta economica” o purché non venga anticipatamente reso noto il “prezzo” dell’appalto.


Related Articles

Farmacia: Palazzo Spada si esprime sulla vendita all’ingrosso e al dettaglio di medicinali

Nella Sentenza n. 5486 del 21 settembre 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la vendita

“Documento di gara unico europeo”: dal 18 aprile 2018 è obbligatorio avvalersi del formato elettronico

A partire dal 18 aprile 2018, il “Documento di gara unico europeo” (“Dgue”) potrà essere usato unicamente in formato elettronico.

Gara d’appalto: per il Tar Lazio il silenzio serbato dall’Anac sugli esposti ha valore di rigetto

Nella Sentenza n. 5058 del 26 aprile 2017 del Tar Lazio, una Società chiede l’accertamento dell’illegittimità del silenzio serbato dall’Anac

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.