Appalto a corpo: non è essenziale l’analisi dei prezzi delle migliorie

Appalto a corpo: non è essenziale l’analisi dei prezzi delle migliorie

Nella Delibera n. 587 dell’8 luglio 2020 dell’Anac, unaSocietà ha contestato l’aggiudicazione della gara ad altra Società per la mancanza, nell’offerta economica, dell’analisi dei prezzi delle migliorie proposte, richiesta a pena di esclusione dalla lex specialis di gara, “per tutto quanto non previsto nell’elenco prezzi di progetto e non previsto nel prezziario regionale”. L’Anac afferma che, in caso di appalto “a corpo” (art. 59, comma 5-bis, del Dlgs. n. 50/2016) – in cui la somma complessiva offerta copre l’esecuzione di tutte le prestazioni contrattuali e in cui il corrispettivo è determinato in un ammontare fisso ed invariabile risultante dal ribasso offerto sull’importo a base d’asta – elemento essenziale dell’offerta è esclusivamente l’importo finale, risultando irrilevanti i prezzi unitari indicati nel cd. “elenco prezzi”, in quanto aventi un valore meramente indicativo delle voci di costo che hanno concorso a formare detto importo, che restano così fuori dal contenuto essenziale dell’offerta e del contratto da stipulare, come pure irrilevante è il computo metrico estimativo. Dunque, negli appalti aggiudicati “a corpo”, il prezzo delle soluzioni migliorative proposte e l’analisi di detti prezzi non sono elementi essenziali ai fini della completezza dell’offerta economica, perché eventuali oneri economici ricollegabili alle proposte migliorative trovano compensazione all’interno dell’offerta economica complessiva. Poiché, né l’indicazione dei costi delle migliorie, né l’indicazione delle analisi sono richieste, a pena di esclusione, da una norma di legge, la richiesta a pena di esclusione della lex specialis di gara di indicare, nell’offerta economica, l’analisi dei nuovi prezzi delle migliorie è affetta da nullità ai sensi dell’art. 83, comma 8, del Dlgs. n. 50/2016, per violazione del Principio di tassatività e, come tale, disapplicabile dalla stessa Stazione appaltante.


Related Articles

Pubblico impiego: condanna di un dipendente che ha navigato per motivi personali su internet in orario di lavoro

Nella Sentenza n. 22 del 10 marzo 2016 della Corte dei conti Liguria, è stato citato in giudizio un impiegato

Amministrazioni pubbliche: cumulo di impieghi e incarichi

Nella Delibera n. 329 del 22 novembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco, dopo aver riferito che un

Debiti tra privati ed Enti Locali: il Tar Lazio ribadisce la facoltà della compensazione

Nella Sentenza n. 2659 del 16 febbraio 2015 del Tar Lazio, i Giudici osservano come l’art. 1241 del Cc. disponga

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.