Area pedonale: il Comune non può imporre soluzioni troppo restrittive

Area pedonale: il Comune non può imporre soluzioni troppo restrittive

Nella Sentenza n. 5454 del 18 settembre 2018 del Consiglio di Stato un’Impresa, titolare di un esercizio alberghiero, propone ricorso contro la Deliberazione di un Comune con la quale veniva modificata la regolamentazione dell’area pedonale. In sostanza, veniva ritirata all’albergo in questione l’autorizzazione di transito e di carico/scarico, con una durata massima di 15 minuti, rilasciata precedentemente, con la testuale motivazione che “l’interesse pubblico alla sicurezza della circolazione dei pedoni e ciclisti prevale sull’interesse individuale”.

I Giudici rilevano che:

– il principio di ragionevolezza postula la coerenza tra valutazione compiuta e decisione presa e la coerenza tra decisioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tarsu: variazioni intervenute successivamente alla presentazione della Dichiarazione originaria

Nell’Ordinanza n. 13486 del 18 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di

Ici: atti impositivi fondati sulle attribuzioni di rendita

Nella Sentenza n. 18496 del 21 settembre 2016, la Corte di Cassazione statuisce che, in tema di Ici, l’art. 74,

Disciplina dei conti giudiziali applicabile agli agenti contabili delle Camere di commercio

La Corte dei conti, Sezioni Riunite in sede consultiva, nella Delibera n. 3 del 24 ottobre 2014 analizza una richiesta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.