Aree interne: presentata la strategia nazionale per il rilancio

Aree interne: presentata la strategia nazionale per il rilancio

Circa 4 milioni e mezzo di cittadini, quasi l’8% del totale, vivono in aree distanti dai grandi centri di agglomerazione e dai relativi servizi di base, come scuole, ospedali e trasporti. Per questo, il Governo ha dichiarato – nel corso di una conferenza ad hoc tenutasi l’8 luglio a Palazzo Chigi –  il proprio intento di sviluppare una strategia delle aree interne che valorizzi le peculiarità del ns. Paese, sia in termini di patrimonio culturale che di attività economiche e culturali locali.

Come riferito dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, la strategia prevede nel prossimo decennio interventi destinati a ripristinare le condizioni di cittadinanza e al recupero demografico e per la sua attuazione sono stati stanziati complessivamente 680 milioni di Euro, tra risorse nazionali (180 milioni di Euro individuati dalle ultime 2 Manovre finanziarie) e regionali (500 milioni di Euro, parte dei quali provenienti da Fondi europei).

Sperimentiamo questa strategia su 57 aree progetto – ha spiegato il Sottosegretario – per fare in modo che d’ora in poi l’intervento ordinario possa garantire il loro sviluppo”.


Related Articles

Incentivo alla progettazione: condizioni per la riconoscibilità in caso di lavori di manutenzione ordinaria

Nella Delibera n. 237 del 12 novembre 2014 della Corte dei conti Toscana, un Presidente di Giunta regionale ha inoltrato

“Decreto Dignità”: le novità in materia di contratto di lavoro a tempo determinato, somministrazione e licenziamento

Il Dl. n. 87/18, con i primi 3 articoli, è intervenuto in modo decisivo nella disciplina del contratto a termine

“Legge Madia”: il commento articolo per articolo della riforma della P.A.

Sono ufficialmente delineati i confini entro i quali il Governo si muoverà per portare a compimento una delle più discusse