“Art-bonus”: un caso di applicabilità ad un Progetto di restauro di un Museo ma non alle finalità generiche della Fondazione che lo gestisce

“Art-bonus”: un caso di applicabilità ad un Progetto di restauro di un Museo ma non alle finalità generiche della Fondazione che lo gestisce

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 464 del 12 ottobre 2020, ha fornito chiarimenti circa la possibilità o meno per una Fondazione, istituita ai sensi della Legge n. 80/1971 come Ente di diritto pubblico e successivamente trasformata in Fondazione con personalità giuridica di diritto privato ai sensi del Dlgs. n. 419/1999, di fruire del c.d. “Art-bonus”.

Al riguardo, l’Agenzia ha ricordato i contenuti della sopra citata norma agevolativa, la quale prevede un credito d’imposta (c.d. “Art-bonus”), nella misura del 65% delle erogazioni effettuate in denaro da persone fisiche, Enti non commerciali e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Esclusione dalla gara: legittima se la RTI è sottoscritta da un soggetto non legittimato

Tar Toscana, Sentenza n. 363 del 9 marzo 2017 Nella fattispecie in esame, un a RTI è stata legittimamente esclusa

Terzo Settore: nuove regole per il versamento della quota degli utili delle Cooperative

Con il Decreto 23 luglio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 225 del 27 settembre 2014, il Ministero dello Sviluppo economico

Gare d’appalto: i requisiti devono essere posseduti dai candidati fino alla stipula del contratto

Nella Sentenza n. 3866 del 13 settembre 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici rilevano che nelle gare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.