Assemblea annuale Anci: Mezzogiorno e immigrazione le priorità da affrontare per il rilancio del Paese

Assemblea annuale Anci: Mezzogiorno e immigrazione le priorità da affrontare per il rilancio del Paese

Piano di rilancio per il Sud del Paese e misure per affrontare l’emergenza migranti: queste le misure poste dal Presidente Anci, Piero Fassino, in cima alla lista delle priorità da affrontare per rilanciare l’Italia.

Nel suo discorso conclusivo dell’Assemblea annuale dell’Associazione tenutasi a Torino dal 28 al 30 ottobre 2015, il Sindaco della Città piemontese ha stigmatizzato la scomparsa della “questione meridionale” dall’Agenda politica negli ultimi anni. “Deve tornare ad essere elemento centrale – ha detto Fassino – perché non possiamo accettare che si tratti come se fosse un problema irresolubile. Nessun Paese può crescere a 2 velocità e il nostro sforzo di Amministratori e di classe politica deve essere quello di intervenire in modo deciso sul ripristino della legalità, su un programma di infrastrutture e sulla ricostruzione del welfare sociale ed educativo”.

Altro nodo cruciale, messo in evidenza dal Presidente, è quello dell’accoglienza e della gestione del flusso migratorio: “Va invertita la proporzione che vede il canale dell’emergenza prefettizia occuparsi di quasi il quadruplo dei migranti da accogliere, rispetto a quanto non venga affidato allo ‘Sprar’. E’ lo ‘Sprar’ il Sistema che funziona e al quale bisogna affidarsi, e in questo possiamo contare sull’accordo con il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano”. Quindi il welfare, con la crisi che si accinge a finire e con la necessità “di uscire da questa crisi evitando che le differenza tra i più forti e i più deboli siano più acute di prima. Nessuno va lasciato o deve sentirsi solo, e con questo obiettivo abbiamo il dovere di stringere i rapporti con la rete di inclusione sociale costituita anche dalle migliaia di attori, associazioni ed enti nei territori”.

Investire sul sapere, la ricerca e la conoscenza è l’altro obiettivo cardine della nuova azione politica e amministrativa invocata da Fassino, insieme a un rinnovato impegno “per garantire la sicurezza nelle nostre città”.

Gli investimenti infine, liberati con il superamento del Patto di stabilità interno, “vanno potenziati anche con il ricorso alle partnership con i privati, anche attraverso un adeguamento normativo dedicato a favorire le sinergie con il pubblico”.


Related Articles

Credito d’imposta su canoni di locazione: vale anche per le concessioni scadute con pagamento di indennità di occupazione “sine titulo”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 120 del 18 febbraio 2021, ha fornito indicazioni in merito

Riscossione: notifica atto di accertamento

Nella Sentenza n. 10131 del 28 maggio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici chiariscono che nella notifica degli atti

Pagamento degli oneri previdenziali, assistenziali e assicurativi dovuti per l’attività libero professionale svolta dal Sindaco

Nella Delibera n. 154 del 24 ottobre 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere