Ausili per disabili: nuovo intervento dell’Agenzia delle Entrate sulla detraibilità ai fini Irpef delle spese

Ausili per disabili: nuovo intervento dell’Agenzia delle Entrate sulla detraibilità ai fini Irpef delle spese

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 440 del 29 ottobre 2019, è intervenuta in merito alla detraibilità ai fini Irpef delle spese sostenute per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici in favore dei minori o di maggiorenni, con diagnosi di Disturbo specifico dell’apprendimento (dsa), ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. e-ter), del Tuir.

Nel caso di specie, l’istante comunica che alla figlia è stato diagnosticato un disturbo specifico dell’apprendimento (dsa), come risulta dalla certificazione medica rilasciata dall’Ulss di appartenenza. Poiché in accordo con gli insegnanti scolastici si è valutata l’opportunità di fare utilizzare alla figlia un computer con programmi di video scrittura per lo svolgimento dei compiti e delle prove scritte di italiano, l’istante ha acquistato un computer, con rilascio di scontrino fiscale.

Il Caf non ha ritenuto valido, ai fini della detrazione della relativa spesa, prevista all’art. 15, comma 1, lett. e-ter), del Tuir, lo scontrino fiscale in quanto lo stesso non riporta il codice fiscale del soggetto affetto da dsa, così come previsto dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 75067 del 6 aprile 2018.

Al riguardo, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che, ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. e-ter), del Tuir, dall’Imposta lorda si detrae un importo pari al 19% delle spese sostenute, a partire dal 1°gennaio 2018, “in favore dei minori o di maggiorenni, con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (dsa) fino al completamento della Scuola secondaria di secondo grado, per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici, di cui alla Legge n. 170/2010, necessari all’apprendimento, nonché per l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere, in presenza di un certificato medico che attesti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti acquistati e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato”. Ai sensi del comma 2 del medesimo art. 15, la detrazione spetta anche per le spese sostenute nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico.

Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 6 aprile 2018, Prot. n. 75067, sono stati definiti l’oggetto, i requisiti per il riconoscimento della detrazione, nonché gli strumenti compensativi e i sussidi tecnici ed informatici ammessi all’agevolazione in commento. In particolare, ai sensi del punto 3.1 del Provvedimento, si considerano strumenti compensativi gli strumenti didattici e tecnologici che sostituiscono o facilitano la prestazione richiesta nell’abilità deficitaria. Tra gli strumenti compensativi essenziali sono ricompresi, in via esemplificativa: la sintesi vocale, che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto; il registratore, che consente all’alunno o allo studente di non scrivere gli appunti della lezione; i programmi di video scrittura con correttore ortografico, che permettono la produzione di testi sufficientemente corretti senza l’affaticamento della rilettura e della contestuale correzione degli errori; la calcolatrice, che facilita le operazioni di calcolo; altri strumenti tecnologicamente meno evoluti quali tabelle, formulari, mappe concettuali.

Ai sensi del successivo punto 3.2 inoltre, “si considerano sussidi tecnici ed informatici le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, quali, ad esempio, i computer necessari per i programmi di video scrittura, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, l’accesso alla informazione e alla cultura”.

Il punto 2 del Provvedimento, stabilisce inoltre che:

– per fruire della detrazione, il beneficiario deve essere in possesso di un certificato rilasciato dal Servizio sanitario nazionale, da specialisti o strutture accreditate, ai sensi dell’art. 3, comma 1, della Legge n. 170/2010, che attesti la diagnosi di dsa per l’acquirente ovvero per il proprio familiare, nel caso in cui la spesa è sostenuta nell’interesse di un familiare a carico (punto 2.1);

– la detrazione spetta a condizione che dal certificato sopra citato ovvero dalla prescrizione autorizzativa rilasciata da un medico risulti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti compensativi e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato (punto 2.2);

– ai fini della detrazione, le spese sostenute devono essere documentate da fattura o scontrino fiscale, nel quale indicare il codice fiscale del soggetto affetto da dsa e la natura del prodotto acquistato o utilizzato (punto 2.3).

Con la Circolare 31 maggio 2019 n. 13/E, è stato inoltre chiarito che i documenti giustificativi delle spese possono essere intestati indifferentemente al soggetto affetto da dsa ovvero al familiare che ha sostenuto le spese; in tale ultimo caso, deve essere indicato il familiare a favore del quale la spesa è stata sostenuta.

In applicazione dei Principi generali, l’Agenzia ha evidenziato inoltre che la detrazione spetta al genitore al quale è intestato il documento comprovante la spesa e che nel caso in cui il documento sia intestato al figlio, la detrazione spetta ad entrambi i genitori nella misura del 50% ciascuno. Considerato tuttavia che, ai fini della detrazione, è necessario che gli oneri siano rimasti effettivamente a carico del contribuente, nel caso in cui la spesa sia stata sostenuta da uno solo dei genitori o da entrambi in percentuali diverse dal 50%, nel documento comprovante la spesa deve essere annotata la percentuale di ripartizione della spesa medesima.

Nella fattispecie in esame, l’istante ha acquistato un computer con un programma di video scrittura per la figlia affetta da dsa ma nello scontrino relativo all’acquisto non è indicato il codice fiscale del soggetto affetto da tale patologia, come richiesto dal Provvedimento e dunque, in linea di principio, la documentazione risulta incompleta ai fini della detrazione delle relative spese.

Considerato tuttavia che il Provvedimento è stato emanato successivamente all’acquisto del sussidio tecnico ed informatico, l’Agenzia ha ritenuto che i dati mancanti (Codice fiscale del soggetto affetto da dsa) possono essere annotati dall’istante sul documento di spesa, ai fini della detrazione di cui all’art. 15, comma 1, lett. e-ter), del Tuir.

L’Agenzia ha fatto presente peraltro che, ai fini della detrazione in commento, è altresì necessario:

– che dalla certificazione medica rilasciata dall’Ulss di appartenenza che attesta la diagnosi di dsa ovvero dalla prescrizione autorizzativa rilasciata da un Medico risulti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti compensativi e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato;

– che la figlia dell’Istante stesse completando, nel 2018, la scuola secondaria di II grado.


Related Articles

Iva sui servizi dei Centri di accoglienza ai migranti: l’Agenzia delle Entrate chiarisce quando è applicabile il regime di esenzione

Con la Risoluzione n. 74/E del 27 settembre 2018, in risposta ad una Istanza di Interpello posta dal Ministero competente,

Istituzione nuovo Comune: deve avvenire nel rispetto dell’invarianza della spesa per tutta l’area amministrativa coinvolta

Nella Delibera n. 87 del 12 maggio 2017 della Corte dei conti Piemonte, un Ente pone un parere riguardante l’istituzione

Spesa storica irrisoria per contratti di lavoro flessibile: superamento del limite ex art. 9 comma 28 per gli Enti di piccole dimensioni

Nella Delibera n. 15 del 20 luglio 2018 della Corte dei conti Autonomie, la questione rimessa alla Sezione Autonomie riguarda

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.