“Autonomia regionale differenziata”: i precedenti ante 2017 e la procedura da seguire

“Autonomia regionale differenziata”: i precedenti ante 2017 e la procedura da seguire

Nell’articolo “Autonomia regionale differenziata: lo stato dell’arte su una potenziale risorsa per la finanza pubblica che non ha mai trovato attuazione”, pubblicato su questa testata il 1° aprile 2019, abbiamo affrontato il tema all’ordine del giorno del “regionalismo differenziato” sotto un profilo prevalentemente istituzionale. E in termini più generali, abbiamo sommariamente offerto il quadro, la cornice ed i contenuti di principio che lo regolano.

Andando avanti entreremo più specificatamente nell’attualità, ai giorni nostri, non prima però di aver accennato ad alcuni precedenti. Perché, va detto, si è verificata una specie di lentissima e lunghissima rincorsa. Ma

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Appalti: gli affidamenti “in house” a Società non totalmente pubbliche sono legittimi

Il Consiglio di Stato, Sezione consultiva, con il Parere n. 298 del 30 gennaio 2015, si è espresso sulla possibilità

Immobili occupati: il Viminale chiede il Censimento degli occupanti per velocizzare le operazioni di sgombero

Avvio di un Censimento degli occupanti sotto la regia dei “Servizi sociali” dei Comuni: questo il sentiero indicato dal Ministro

Tariffe e aliquote tributi comunali: “no” alle variazioni oltre i termini di cui all’art. 169 della Legge n. 296/06  

Nella Delibera n. 175 del 13 novembre 2015 della Corte dei conti Lazio, un Commissario straordinario ha rappresentato che nella

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.