“Autonomia regionale differenziata”: i precedenti ante 2017 e la procedura da seguire

“Autonomia regionale differenziata”: i precedenti ante 2017 e la procedura da seguire

Nell’articolo “Autonomia regionale differenziata: lo stato dell’arte su una potenziale risorsa per la finanza pubblica che non ha mai trovato attuazione”, pubblicato su questa testata il 1° aprile 2019, abbiamo affrontato il tema all’ordine del giorno del “regionalismo differenziato” sotto un profilo prevalentemente istituzionale. E in termini più generali, abbiamo sommariamente offerto il quadro, la cornice ed i contenuti di principio che lo regolano.

Andando avanti entreremo più specificatamente nell’attualità, ai giorni nostri, non prima però di aver accennato ad alcuni precedenti. Perché, va detto, si è verificata una specie di lentissima e lunghissima rincorsa. Ma

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Servizio di illuminazione pubblica”: adottati i criteri ambientali minimi

E’ stato pubblicato in G.U. n. 98/18 il Decreto 28 marzo 2018 del Ministero dell’Ambiente, concernente “Criteri ambientali minimi per

Espropri: due risposte dell’Agenzia su mutamento della destinazione urbanistica e indennità erogate a coltivatori diretti

L’Agenzia delle Entrate, con le Risposte alle Istanze di Interpello n. 162 e n. 165 del 28 dicembre 2018, è

“Visto di conformità” e utilizzo in compensazione di crediti tributari: la nuova soglia vale dalle prossime Dichiarazioni successive al 24 aprile 2017

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 57/E, del 4 maggio 2017, ha fornito tempestivi chiarimenti in merito ai tempi

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.