Autonomia regionale differenziata: lo stato dell’arte su una potenziale risorsa per la finanza pubblica che non ha mai trovato attuazione

Autonomia regionale differenziata: lo stato dell’arte su una potenziale risorsa per la finanza pubblica che non ha mai trovato attuazione

Parte I- L’ultima specie di autonomia regionale sotto un profilo istituzionale

Si premette l’art. 116 della Costituzione come attualmente in vigore che, con ai commi 3 e 4, recita che “ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al comma 3 dell’art. 117 e le materie indicate dal comma 2 del medesimo articolo alle lett. l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere attribuite ad altre Regioni, con Legge dello Stato, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli Enti Locali, nel rispetto dei principi di cui all’art. 119. La Legge è

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Città metropolitane: verso l’abolizione delle sanzioni ereditate dalle Province

Le Città metropolitane non si faranno carico delle penalizzazioni e delle sanzioni derivanti dalla gestione delle Province uscenti. Ad annunciarlo,

Appalti: non rileva il collegamento sostanziale fra due imprese se partecipano a lotti diversi

Non possono essere escluse due imprese in rapporto di controllo o collegamento sostanziale, ai sensi dell’art. 2359 Cc., integranti quindi

Iva: in caso di transazione “dichiarativa” con sopravvenuto accordo tra le parti lo storno tramite nota di credito può avvenire solo entro l’anno

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 178 del 3 giugno 2019, ha fornito chiarimenti in merito

1 commento

Scrivi un commento

Only registered users can comment.