“Avcpass”: prorogato l’obbligo per le stazioni appaltanti di dotarsi di indirizzi Pec personali

 

E’ stato prorogato di 6 mesi l’obbligo, previsto per le stazioni appaltanti, di dotarsi di un indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec) personale da utilizzare per tutte le comunicazioni nell’ambito della “Avcpass” (“Authority virtual company passport”), Sistema per la verifica del possesso dei requisiti degli operatori economici, operativo dal 1° gennaio 2014.

Con la Nota 22 gennaio 2014, pubblicata sul proprio sito istituzionale, l’Autoritá per la Vigilanza sui Lavori pubblici (Avcp) ha annunciato il prolungamento, per altri 6 mesi, del regime transitorio di cui all’art. 9, comma 4, della Deliberazione n. 11 del 20 dicembre 2012 e successive modificazioni intervenute a seguito delle decisioni assunte nelle Adunanze dell’8 maggio e del 5 giugno 2013.

La decisione è stata presa dal Consiglio dell’Autorità, alla luce delle difficoltà segnalate dalle stazioni appaltanti.

Fino a giugno 2014 dunque le stazioni appaltanti potranno utilizzare anche degli indirizzi di Posta elettronica ordinaria, fermi restando però gli obblighi di:

a. garantire che le caselle di Posta elettronica ordinaria utilizzate siano esclusivamente individuali, rilasciate nell’ambito del dominio istituzionale dell’Amministrazione e ad accesso esclusivo del soggetto intestatario;

b. fornire al personale operante in qualità di incaricato del trattamento dei dati le necessarie istruzioni circa il corretto utilizzo delle credenziali di accesso, fermo restando quanto disposto dall’art. 8 della Deliberazione di che trattasi nell’ambito delle misure di sicurezza obbligatorie previste dal Dlgs. n. 196/03.

Ricordiamo che l’obbligo in questione era stato introdotto dall’art. 3, comma 2, della citata Deliberazione n. 111/12, che prevedeva espressamente quanto segue: “Coerentemente con quanto previsto dall’art. 77, comma 5, del Codice e dalla Circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 1/2010, tutte le comunicazioni svolte nell’ambito del Sistema Avcpass sono effettuate tramite Pec. Pertanto, è necessario che ciascuno dei seguenti soggetti possieda un indirizzo Pec:

-stazione appaltante/Ente aggiudicatore (Pec relativa all’Area organizzativa omogenea di Protocollo di appartenenza);

-Responsabile del Procedimento (casella Pec personale);

-almeno un Amministratore/legale rappresentante di ogni operatore economico (casella Pec personale dell’Amministratore e casella Pec dell’operatore economico);

-nel caso di operatore economico persona fisica casella Pec personale;

-eventuale delegato dall’operatore economico (casella Pec personale del delegato e casella Pec dell’operatore economico);

-Presidente di Commissione, Commissari di gara ovvero altri soggetti abilitati alla verifica dei requisiti per il tramite del Sistema Avcpass (casella Pec personale)”.


Tags assigned to this article:
Avcpass

Related Articles

Appalti e Lavori pubblici: rivoluzione negli oneri formali nella partecipazione alle gare

Sul supplemento ordinario n. 70 alla G.U. n. 190 del 18 agosto 2014 è stata pubblicata la Legge 11 agosto

Bando di gara: deve esserci stretta correlazione tra servizi da affidare e requisiti

Nella Sentenza n. 4109 del 5 ottobre 2016 del Consiglio di Stato,i Giudici affermano che rientra sicuramente nella discrezionalità della

Vademecum Anac per appalti “veloci e semplici” durante l’emergenza: un’altra conferma che il “Codice Appalti” ha bisogno di profonde revisioni

Anac ha emanato nei giorni scorsi un Vademecum avente come fine quello di individuare gli istituti di semplificazione degli appalti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.