Avvalimento: la stazione appaltante non ha il potere di introdurre condizioni limitative 

Avvalimento: la stazione appaltante non ha il potere di introdurre condizioni limitative 

Nella Sentenza n. 6691 del 19 novembre 2018 del Tar Napoli, la questione controversa riguarda la nullità delle clausole del bando che introducono condizioni limitative o restrittive dell’avvalimento. I Giudici chiariscono che è nulla la clausola del bando di gara che impone a pena di esclusione che, in caso di avvalimento, l’impresa ausiliata debba essere in possesso di propria attestazione Soa, dal momento che la disciplina dell’istituto dell’avvalimento di cui all’art. 89 del Dlgs. n. 50/2016 non riconosce alcun potere alla stazione appaltante di introdurre condizioni limitative o, comunque, restrittive dell’avvalimento, tantomeno di sanzionarne la mancanza con l’immediata esclusione del concorrente. Invero, a ben vedere, unico spazio per una modulazione da parte della stazione appaltante della disciplina positiva è contenuto nei commi 4 e 3 della sopra citata disposizione ove, nel primo caso, si stabilisce che “nel caso di appalti di lavori, di appalti di servizi e operazioni di posa in opera o installazione nel quadro di un appalto di fornitura, le stazioni appaltanti possono prevedere nei documenti di gara che taluni compiti essenziali siano direttamente svolti dall’offerente o, nel caso di un’offerta presentata da un raggruppamento di operatori economici, da un partecipante al raggruppamento”, e nel secondo che “nel bando di gara possono essere altresì indicati i casi in cui l’operatore economico deve sostituire un soggetto per il quale sussistono motivi non obbligatori di esclusione, purchè si tratti di requisiti tecnici”. Nessun altro potere di conformare i requisiti di accesso all’avvalimento è riconosciuto, in aderenza all’orientamento giurisprudenziale che in sede europea considera l’istituto come espressione del riconoscimento della più ampia libertà di autorganizzazione degli operatori economici.


Related Articles

“Ddl. bilancio 2017”: verso la proroga del blocco aumenti aliquote anche per il 2017

Salvo stralci o emendamenti, sarà prorogato anche al 2017 il blocco degli aumenti di aliquote tributarie. L’art. 10 del Disegno

Tributi propri dell’Ente: definizione agevolata di quelli inadempiuti da parte dei contribuenti per i periodi di imposta antecedenti al 2015

Nella Delibera n. 143 del 20 maggio 2016 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un quesito sulla possibilità di

Imposta di soggiorno: l’istituto del “ravvedimento” in caso di omesso, tardivo o parziale riversamento da parte degli albergatori

Nella Delibera n. 96 del 25 ottobre 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, è stato formulato un parere avente

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.