Avviso pubblico indetto da una Società “in house”: la competenza sulla domanda di annullamento è del Giudice amministrativo

Avviso pubblico indetto da una Società “in house”: la competenza sulla domanda di annullamento è del Giudice amministrativo

Nella Sentenza n. 5643 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Sesta, i Giudici affermano che sussiste la giurisdizione del Giudice amministrativo in tema di domanda di annullamento di un avviso pubblico, per la selezione di vari profili professionali, indetto da una Società “in house”. In particolare, i Giudici hanno evidenziato che, sotto il profilo sostanziale le Aziende speciali, così come le Società “in house”, possono essere considerate come Enti che rappresentano delle vere e proprie articolazioni della Pubblica Amministrazione, atteso che gli Organi di queste sono assoggettate a vincoli gerarchici facenti capo alla Pubblica Amministrazione, i cui Dirigenti sono dunque legati alla P.A. da un rapporto di servizio come avviene per quelli preposti ai servizi direttamente erogati dall’Ente pubblico. Poiché, nel caso di specie, si tratta di procedure poste in essere da soggetti qualificabili come Pubbliche Amministrazioni per le quali vige il principio del concorso pubblico, queste sono in tutto e per tutto assimilabili alle procedure concorsuali dell’Ente pubblico (il Comune) cui l’Azienda speciale è strumentale. Con la conseguenza che la selezione in oggetto, anche se fosse giuridicamente imputabile all’Azienda speciale, non può che importarne regime giuridico e disciplina e, quindi, per ciò che qui interessa, non può che comportare il rispetto del principio di imparzialità amministrativa nell’assunzione (e non la logica imprenditoriale), con connessa giurisdizione del Giudice amministrativo per le relative contestazioni.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5643 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Tia: utenze domestiche e non domestiche

Nella Sentenza n. 4600 del 28 febbraio 2018 della Corte di Cassazione, una Società impugnava l’avviso di liquidazione emesso da

Personale: determinazione dei resti assunzionali

Nella Delibera n. 215 del 30 maggio 2019 della Corte dei conti Toscana, un Sindaco ha chiesto un parere sulla

Iva su acquisti intracomunitari: irrilevante la fattura emessa dal rappresentante fiscale in Italia di fornitore estero

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 21/E del 20 febbraio 2015, è intervenuta in merito all’inversione contabile ai sensi