Base – Aziende speciali: una Circolare Mise sull’obbligo dell’iscrizione al Registro delle imprese e di depositare il bilancio d’esercizio

Con la Circolare n. 3669/C datata 15 aprile 2014, il Ministero dello Sviluppo economico ha fornito una serie di indicazioni operative relative agli adempimenti introdotti dal comma 560, art. 1, della “Legge di stabilità 2014” per Aziende speciali e Istituzioni che gestiscono Servizi socio-assistenziali ed educativi, Servizi scolastici e per l’infanzia, culturali e Farmacie.

Ricordiamo infatti che il citato comma 560, modificando l’art. 114 del Tuel, ha previsto che “le Aziende speciali e le Istituzioni si iscrivono e depositano i propri bilanci al Registro delle imprese o nel Repertorio delle notizie economico-amministrative della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del proprio territorio entro il 31 maggio di ciascun anno”.
Aziende speciali e Istituzioni dovranno dunque, entro il prossimo 31 maggio 2014, osservare i seguenti adempimenti:
a) iscriversi nel Registro delle imprese o nel Rea;
b) depositare il proprio bilancio nel predetto Registro o Repertorio.
Con riferimento al primo di questi adempimenti, la Circolare Mise ha precisato che, data la loro “autonomia imprenditoriale”, le Aziende speciali sono tenute all’iscrizione nel Registro delle imprese. Le Istituzioni invece, in ragione della loro natura di “Organismo strumentale dell’Ente Locale per l’esercizio di servizi sociali”, sono tenute ad iscriversi al Rea.
Il Documento di prassi in commento prosegue con l’illustrazione delle modalità tecniche per l’iscrizione e il deposito dei bilanci, dettagliando i documenti da allegare, le modalità per la sottoscrizione digitale delle pratiche e quant’altro necessario per l’invio telematico.


Related Articles

Gestione della cassa: l’obbligo per le Aziende speciali di avvalersi di una Tesoreria è ancora vigente?  

Il testo del quesito: “Il sistema contabile delle Aziende speciali è di tipo privatistico. La gestione della cassa, però, dovrebbe

“Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica”: i nuovi limiti “qualitativi” alla detenzione di partecipazioni in Società

Ai sensi e per gli effetti dall’art. 3, comma 27, della Legge n. 244/07 (“Finanziaria 2008”) – ora abrogato dall’art.

Società in fallimento: i crediti dell’Ente sono da considerare di dubbia esigibilità salvo eventuale riconoscimento compensazione debiti-crediti

Nella Delibera n. 146 del 15 dicembre 2017 della Corte dei conti Marche, viene chiesto un parere in merito alla

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.