Bandi di mobilità volontaria: possibile indirli solo a conclusione del processo di ricollocazione del personale soprannumerario

Bandi di mobilità volontaria: possibile indirli solo a conclusione del processo di ricollocazione del personale soprannumerario

Nella Delibera n. 323 del 24 novembre 2015 della Corte dei conti Sicilia, è stato richiesto un quesito circa l’ambito di applicazione del divieto di nuove assunzioni previsto dal recente art. 1, comma 424 della Legge n. 190/14, e in particolare, sulla esperibilità, o meno, dell’ordinaria mobilità volontaria, prevista dall’art. 30 del Dlgs. n. 165/01, in presenza del nuovo vincolo.

La Sezione afferma che deve ritenersi che, per gli anni 2015 e 2016, agli Enti Locali è consentito indire bandi di procedure di mobilità riservate esclusivamente al personale soprannumerario degli Enti di area vasta. A conclusione del processo di ricollocazione del personale soprannumerario destinatario dei processi di mobilità, è ammissibile indire le ordinarie procedure di mobilità volontaria.

Corte dei conti Sicilia, Delibera n. 323 del 24 novembre 2015


Related Articles

Aziende speciali: per i loro contratti non è imposta la forma scritta “ad sustantiam”

Nella Sentenza n. 20684 del 9 agosto 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che le Aziende

Ici: imposta da versare in base alla “rendita attribuita”

Nell’Ordinanza n. 10234 del 27 aprile 2018 della Corte di Cassazione, una Società riceveva un avviso di accertamento con il

Spesa di personale: “Fondo risorse decentrate”

Nella Delibera n. 182 del 19 dicembre 2019 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco ha chiesto un parere in