Bandi di mobilità volontaria: possibile indirli solo a conclusione del processo di ricollocazione del personale soprannumerario

Bandi di mobilità volontaria: possibile indirli solo a conclusione del processo di ricollocazione del personale soprannumerario

Nella Delibera n. 323 del 24 novembre 2015 della Corte dei conti Sicilia, è stato richiesto un quesito circa l’ambito di applicazione del divieto di nuove assunzioni previsto dal recente art. 1, comma 424 della Legge n. 190/14, e in particolare, sulla esperibilità, o meno, dell’ordinaria mobilità volontaria, prevista dall’art. 30 del Dlgs. n. 165/01, in presenza del nuovo vincolo.

La Sezione afferma che deve ritenersi che, per gli anni 2015 e 2016, agli Enti Locali è consentito indire bandi di procedure di mobilità riservate esclusivamente al personale soprannumerario degli Enti di area vasta. A conclusione del processo di ricollocazione del personale soprannumerario destinatario dei processi di mobilità, è ammissibile indire le ordinarie procedure di mobilità volontaria.

Corte dei conti Sicilia, Delibera n. 323 del 24 novembre 2015


Related Articles

Divieto per gli Enti Locali di acquisto di immobili: condizioni per l’applicabilità della deroga

Nella Delibera n. 55 del 6 giugno 2018 della Corte dei conti Lazio, la questione controversa in esame riguarda l’applicabilità

Appalti: si ha “falso innocuo” quando non vi era alcuna possibilità di offendere l’interesse protetto

Nella Sentenza n. 3014 del 7 luglio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quarta, i Giudici rilevano che si ha

Debito derivante da Sentenza: determina debito fuori bilancio se non è stato disposto un accantonamento di somme nel “Fondo rischi”

Nella Delibera n. 265 del 6 ottobre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto se la Sentenza