Bandi pubblici: illegittimo prevedere la residenza nel Comune come requisito di partecipazione

Bandi pubblici: illegittimo prevedere la residenza nel Comune come requisito di partecipazione

Nella Sentenza n. 891 del 27 giugno 2017 del Tar Toscana, la questione controversa in esame riguarda il bando per la selezione per la formazione di una graduatoria relativa allo svolgimento di lavoro occasionale presso la biblioteca comunale, che richiedeva come requisito di partecipazione la residenza nel Comune. I Giudici toscani rilevano che l’art. 51, comma 1, della Costituzione prevede che tutti i cittadini possano accedere agli uffici pubblici in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla Legge.

Inoltre, l’art. 117, comma 1, della Costituzione, vuole che l’esercizio della potestà legislativa sia rispettoso degli obblighi e dei principi fondamentali derivanti dal diritto comunitario, tra i quali ultimi vi è quello di libera circolazione dei lavoratori, con i relativi corollari applicabili anche agli impieghi nel settore pubblico. Dunque, i Giudici affermano che sono ammesse ragionevoli discriminazioni fra concorrenti basate sulla residenza purché queste siano corrispondenti a situazioni connesse con l’esistenza di particolari e razionali motivi di più idonea organizzazione di servizi. Inoltre, i Giudici riconducono una valutazione di illegittimità alle norme che annettono all’elemento residenza un “valore condizionante” tale da conferire ad esso la priorità su ogni altra valutazione comparativa di merito. In conclusione, il bando in questione, che richiede quale requisito di partecipazione la residenza nel Comune, è illegittimo.


Related Articles

Ruolo di Rup e di Membro della Commissione: non c’è automatica incompatibilità

Nella Sentenza n. 572 del 24 luglio 2020 del Tar Lombardia, i Giudici osservano che, a norma dell’art. 77, comma

Aree adibite ad attività estrattive: nessuna esenzione dall’Imu

Nell’Ordinanza n. 29276 del 22 dicembre 2020 della Corte di Cassazione, alcuni contribuenti proprietari di fondi minerari impugnano gli avvisi

Riduzione spesa di personale: non più parametrata sull’anno precedente ma sul triennio

Nella Delibera n. 239 dell’11 novembre 2014, della Corte dei conti Piemonte, pubblicata in data 1º dicembre 2014 sul sito