Bando “Sport e periferie 2020”: contributi fino a 700.000 Euro per la ristrutturazione o nuova costruzione di impianti sportivi

Bando “Sport e periferie 2020”: contributi fino a 700.000 Euro per la ristrutturazione o nuova costruzione di impianti sportivi

L’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato l’avviso “Sport e periferie 2020” per finanziare interventi di ristrutturazione/nuova costruzione degli impianti sportivi.

Nello specifico il bando andrà a finanziare i seguenti interventi di:

  • realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi, localizzati nelle aree svantaggiate e nelle periferie urbane;
  • acquisto di attrezzature sportive;
  • completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti.

L’importo del contributo erogato per ciascun intervento non può essere superiore a Euro 700.000,00, pena l’esclusione dalla procedura.

Le risorse destinate al finanziamento degli interventi previsti dal Fondo sport e periferie di cui al presente “Bando Sport e Periferie”, ammontano complessivamente ad Euro 140.000.000,00.

Possono presentare domanda di finanziamento sia Enti pubblici (Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni) sia soggetti non aventi fini di lucro, quali Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, Associazioni e Società sportive dilettantistiche, Enti di promozione sportiva, Enti religiosi civilmente riconosciuti.

La registrazione sulla piattaforma e l’invio della domanda saranno consentiti entro il termine ultimo delle 10:00 del 30 settembre 2020.

I criteri di selezione terranno conto dei seguenti Indici:

  • di vulnerabilità sociale e materiale del Comune in cui è localizzato l’intervento – L’Indice si riferisce all’esposizione di alcune fasce di popolazione a situazioni di rischio, inteso come incertezza della propria condizione sociale ed economica e prende in considerazione gli indicatori elementari; l’indicatore per ogni Comune è indicato nella “Mappa-rischi Istat”, con riferimento alla popolazione dell’anno 2018, fino ad un massimo di 25 punti;
  • di sostenibilità ambientale, intesa quale capacità di miglioramento dell’efficienza energetica attraverso l’impiego di apposita tecnologia e l’utilizzo di fonti rinnovabili/materiali ecocompatibili, fino ad un massimo di 25 punti;
  • di contribuzione da parte del proponente, inteso quale percentuale delle risorse finanziarie eventualmente apportate rispetto al costo totale del Progetto, fino ad un massimo di 10 punti;
  • di progettazione, inteso quale grado di analiticità degli elaborati tecnici ovvero quale livello della progettazione redatto ai sensi dell’art. 23 del Dlgs. 18 aprile 2016, n. 50, fino ad un massimo di 15 punti;
  • di definizione del Piano di attività di gestione dell’impianto, ivi compresi i profili manutentivi, al fine di garantirne la più ampia e certa fruibilità dell’impianto nell’arco dell’intera giornata, di promuovere i valori delle pari opportunità, di favorire la diffusione di principi di non discriminazione, inclusione sociale, partecipazione dei soggetti disabili, delle minoranze etniche e di altri gruppi socialmente vulnerabili: fino ad un massimo di 25 punti.


Related Articles

Welfare: al via i Questionari di Palazzo Chigi per individuare le buone pratiche dei Comuni in materia di Politiche per la famiglia

Il Dipartimento per le Politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con Anci e con il

Incentivi alla progettazione: rimessa all’autonomia dell’Ente la definizione di criteri e modalità per la ripartizione

Nella Delibera n. 17 del 20 gennaio 2015 della Corte dei conti Piemonte un Sindaco, dopo aver esposto che l’Ente

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.