Beni e servizi informatici: l’obbligo di acquisti tramite Consip o soggetti aggregatori scatta anche se l’importo è inferiore a 1.000 Euro

Beni e servizi informatici: l’obbligo di acquisti tramite Consip o soggetti aggregatori scatta anche se l’importo è inferiore a 1.000 Euro

Nella Delibera n. 52 del 28 aprile 2016 della Corte dei conti Umbria, il parere riguarda l’interpretazione della normativa che impone agli Enti Locali di provvedere agli approvvigionamenti di beni e servizi informatici e di connettività di qualunque importo esclusivamente tramite i soggetti individuati dall’art. 1, comma 512, della Legge n. 208/15. Nello specifico, il Comune in questione chiede se per i detti acquisti possa, in alternativa, applicarsi la normativa che obbliga le Amministrazioni a fare ricorso al “Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione” solamente per le forniture di beni e servizi al di sopra della soglia dei 1.000

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Istituto del comando: rientra nel limite di spesa per assunzioni a tempo determinato

Con la Delibera n. 95 del 21 maggio 2015, la Corte dei conti Umbria si pronuncia sul tema dell’utilizzo temporaneo,

“Codice dell’Amministrazione digitale”: definite le caratteristiche del “Pin unico” per accedere ai servizi erogati dalle P.A.

Il 9 dicembre 2014 è stato pubblicato nella G.U. n. 285 il Dpcm. 24 ottobre 2014, recante la definizione delle

“F24 Enti pubblici”: dal 7 gennaio 2016 possibile l’utilizzo per compensazioni “orizzontali”

Con Provvedimento 1° dicembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha approvato delle modifiche al Modello di versamento “F24 Enti pubblici” ed