Bilancio: corretta destinazione dei proventi riconosciuti agli Enti Locali facenti parte di un Bacino imbrifero montano

Bilancio: corretta destinazione dei proventi riconosciuti agli Enti Locali facenti parte di un Bacino imbrifero montano

Nella Delibera n. 42 del 12 aprile 2016 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede se il Comune possa iscrivere le entrate per trasferimento dal Consorzio Bim (Bacino imbrifero montano) al quale aderisce, al Titolo II del bilancio armonizzato, destinandole ai finanziamento di spese correnti per “favorire il progresso economico e sociale delle popolazioni”.

La Sezione rileva che non è rinvenibile nella normativa di disciplina dei Bim un dato testuale che preveda una specificazione ulteriore rispetto al vincolo di destinazione all’esclusivo soddisfacimento “del progresso economico e sociale delle popolazioni” appartenenti al Bim. L’unica previsione vincolistica contenuta nella Legge n. 1377/56 in merito alla destinazione in conto capitale delle somme in discorso è riconoscibile nell’art. 1, comma 14, laddove tra i possibili impieghi del fondo siano previsti quelli a favore di “opere di sistemazione montana che non siano di competenza dello Stato”.


Related Articles

Processo di internalizzazione del “Servizio farmaceutico” e vincoli di spesa

Nella Delibera n. 78 del 14 dicembre 2015 della Corte dei conti Liguria, il parere in esame riguarda la materia

Scorrimento graduatoria: dimissioni nel periodo di prova

Nella Delibera n. 328 del 22 novembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Comune ha assunto il vincitore di

“Covid-19”: prorogati l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per i cittadini provenienti dai Paesi extra Schengen

Restano in vigore fino al 14 luglio 2020 l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai