Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 31 marzo 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 31 marzo 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 7 febbraio 2018, ha espresso parere favorevole alla proroga al 31 marzo 2018 del termine per la deliberazione del bilancio di previsione di Comuni, Province e Città metropolitane per l’anno 2018.

La scadenza era già stata preventivamente prorogata al 28 febbraio 2018 dal Decreto del Ministero dell’Interno datato 29 novembre 2017 e pubblicato sulla G.U. n. 285 del 6 dicembre 2017.

Nel corso della seduta è arrivato anche il “via libera” alla distribuzione di spazi finanziari tra i Comuni per interventi relativi all’edilizia scolastica e agli impianti sportivi.

Tra le Province e le Città metropolitane sono state ripartiti i contributi per finanziare i programmi straordinari della rete viaria previsti dalla “Legge di bilancio 2018”.

Sono stati, infine, assegnati i contributi di cui all’art. 1, comma 838 e 843, della Legge n. 2015/2017 destinati, nell’ordine, alle le Province delle Regioni a statuto ordinario e alle Province che, alla data del 30 novembre 2017, hanno deliberato, presentato o conseguito la “Procedura di riequilibrio finanziario pluriennale” o risultano in dissesto.

 


Related Articles

Centrale unica di committenza: bozza di Deliberazione di Consiglio comunale di approvazione dello Schema di convenzione (II parte)

SEGUE DA QUESTO PRECEDENTE ARTICOLO Alla Delibera del Consiglio comunale di approvazione dello schema di Convenzione per la Costituzione della

Ordinanza contingibile e urgente: il Sindaco vi può ricorrere solo in caso di effettivo pericolo di danno grave per l’incolumità pubblica

Nella Sentenza n. 1749 del 30 gennaio 2015 del Tar Lazio, una Spa impugna un’Ordinanza sindacale contingibile e urgente di

Raggruppamento temporaneo di professionisti: è un soggetto diverso dal singolo Professionista

Nel Parere n. AG 38 del 6 maggio 2015 dell’Anac, un Ingegnere, libero professionista, ha posto all’Autorità un quesito inerente