Bilancio di previsione Enti Locali 2021-2023: il termine per l’approvazione slitta al 31 marzo 2021

Bilancio di previsione Enti Locali 2021-2023: il termine per l’approvazione slitta al 31 marzo 2021

Il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato il 14 gennaio 2021 sul proprio sito istituzionale il testo del Decreto 13 gennaio 2021, con il quale è stata disposta la proroga al 31 marzo 2021 del termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2021-2023 degli Enti Locali. Ai sensi dell’art. 163, comma 3, del Tuel, è autorizzato per tali Amministrazioni l’esercizio provvisorio del bilancio, sino alla suddetta data.

Il Viminale ha dunque deciso di accogliere le richieste veicolate da una Nota trasmessa il 2 gennaio 2021 da Anci e Upi, nella quale era stata appunto invocata la proroga di 2 mesi facendo riferimento alle numerose difficoltà che le Amministrazioni hanno dovuto fronteggiare nell’ultimo trimestre del 2020 a causa della seconda ondata della pandemia da “Covid-19” e alle molteplici scadenze accumulatesi in queste settimane, tra cui l’approvazione del Piano economico-finanziario rifiuti 2020 in base al “Metodo Arera” per i Comuni che hanno optato per il rinvio a fine anno in applicazione dell’art. 107, comma 5, del Dl. n. 18/2020 (vedi Entilocalinews n. 18 del 4 maggio 2020), e la regolamentazione necessaria per l’avvio del nuovo ‘Canone unico’.


Related Articles

Mansioni superiori: possono essere riconosciute solo con un incarico formale e se il posto in organico è vacante

Nella Sentenza n. 3431 del 23 giugno 2017 del Tar Campania, un dipendente comunale, inquadrato nel 6° livello, agisce per

Pagamento diretto dei subappaltatori: qual è il comportamento da adottare dal punto di vista Iva e della verifica sulla tracciabilità?

Il quesito: “E’ corretto, a seguito di inadempienza di pagamento dell’appaltatore nei confronti dei sub-appaltatori, rilasciare certificato di pagamento procedendo

“Nuovo Codice”: le 10 principali novità in materia di appalti dopo l’entrata in vigore del Dlgs. n. 50/16

Con l’entrata in vigore del nuovo “Codice degli appalti” (Dlgs. n. 50/16), e l’abrogazione del precedente Dlgs. n. 163/06, assistiamo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.