Bilancio e ordinamento contabile: approvate le nuove regole tecniche per la trasmissione dei rendiconti alla Corte dei conti

Bilancio e ordinamento contabile: approvate le nuove regole tecniche per la trasmissione dei rendiconti alla Corte dei conti

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 60 del 12 marzo 2016 il Decreto 29 febbraio 2016 con il quale la Corte dei conti ha fissato le “Regole tecniche ed operative per la trasmissione dei rendiconti degli Enti sottoposti al controllo della Corte dei conti, secondo le tassonomie Xbrl”.

Il Provvedimento, in applicazione dell’art. 20-bis del Dl. n. 179/12 che impone alla Magistratura contabile di informatizzare le proprie attività di controllo e giurisdizionali, stabilisce le tassonomie Xbrl che possono essere utilizzate dagli Enti per la trasmissione attraverso il “Sistema informativo controllo Enti” (“Sice”) delle informazioni contabili dei propri rendiconti.

L’art. 3 specifica che le modalità operative per la trasmissione dei dati relativi al rendiconto sono indicate sul sito istituzionale della Corte e che la trasmissione e l’acquisizione dei rendiconti tramite “Sice” sostituisce l’inoltro cartaceo dei documenti medesimi previsto dall’art. 4 della Legge 21 marzo 1958, n. 259.

Gli Enti che intendono avvalersi di queste nuove modalità di rappresentazione dei dati contabili possono adottare le tassonomie definite dal Decreto già a partire dalla trasmissione dei relativi all’esercizio 2015.


Related Articles

Trasparenza: sul sito del Comune deve essere pubblicato lo stock del debito commerciale o l’ammontare del debito (scaduti e non)?

Il testo del quesito: “Sul sito del Comune, nella Sezione ‘Trasparenza’, deve essere pubblicato lo stock del debito commerciale (scaduto)

Riassorbimento del personale delle Province: possibile utilizzare il 100% del turn over

  Nella Delibera n. 304 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti Veneto, la Sezione: nega la possibilità che

Unione di Comuni: ricollocamento del personale in caso di recesso di un Comune aderente

Nella Delibera n. 118 del 10 dicembre 2020 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Comune ha chiesto un parere