Bilancio di previsione 2019-2021: arriva l’accordo sulla proroga al 28 febbraio 2019 per Comuni, Province e Città metropolitane

Bilancio di previsione 2019-2021: arriva l’accordo sulla proroga al 28 febbraio 2019 per Comuni, Province e Città metropolitane

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta del 22 novembre 2018, ha espresso parere favorevole alla proroga al 28 febbraio 2019 del termine per la deliberazione del bilancio di previsione di Comuni, Province e Città metropolitane per il triennio 2019-2021.

Lo slittamento del termine, ordinariamente fissato dal Tuel al 31 dicembre di ogni anno, sarà formalizzato attraverso l’emanazione di un apposito Decreto del Ministero dell’Interno.

L’esigenza di un rinvio dei termini era stata enfatizzata nei giorni scorsi dal Presidente dell’Anci, nonché Sindaco di Bari, Antonio Decaro, in una lettera indirizzata al Ministro dell’Interno, Matteo Salvini. La comunicazione poneva l’accento in particolare sull’incertezza che tuttora aleggia su alcuni contenuti del “Ddl. Bilancio” (vincoli contabili, rottamazione dei ruoli ecc) che devono invece necessariamente essere conosciuti al fine di determinare quali effetti produrranno sui bilanci.

Nel corso della medesima seduta è stata anche resa l’informativa sullo schema di Decreto, emanato dal Viminale di concerto con il Mef, contenente l’aggiornamento dei limiti massimi dei compensi spettanti ai Revisori dei conti degli Enti Locali.

Un provvedimento, questo, assolutamente atteso e (ci sia consentito) dovuto, posto che l’ultimo aggiornamento fu disposto nel lontano 2005, dal Dm. 20 maggio 2005. Ben 13 anni fa.


Related Articles

Aspettativa per cariche elettive e sindacali: accredito contribuzione figurativa si potrà ottenere solo attraverso procedura telematica

L’Inps ha pubblicato la Circolare n. 153 del 24 ottobre 2017 all’interno della quale vengono illustrate le nuove modalità di

Acconto Iva 2018: ormai quasi tutti gli Enti Locali interessati da “split payment” devono tenere conto di tale adempimento in scadenza il 27 dicembre

Tra i soggetti passivi per i quali è previsto l’eventuale versamento dell’acconto annuale Iva, in scadenza il prossimo 27 dicembre

“Fondo salario accessorio”: per gli incentivi relativi al recupero evasione Ici si tiene conto dell’entità incassata per competenza

L’Aran, in una recente risposta a un quesito (Orientamento applicativo Ral_1949) ha fornito chiarimenti in merito alla corretta imputazione al

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.