“Canone unico”: analisi delle criticità operative legate all’introduzione del prelievo dal 1° gennaio 2021

“Canone unico”: analisi delle criticità operative legate all’introduzione del prelievo dal 1° gennaio 2021

Premessa

Un primo tentativo di unificazione dei prelievi relativi alla pubblicità e all’occupazione del suolo pubblico era stato improntato già dall’art. 11 del Dlgs. n. 23/2011, il quale aveva introdotto la cd. “Imposta municipale secondaria – Imus”,destinata a sostituire Tosap, Cosap, Icp, Dpa e Cimp. La nuova Imposta doveva inizialmente entrare in vigore a partire dall’anno 2012, termine prorogato prima al 2015 e poi al 2016. Infine, l’introduzione dell’Imus è stata abrogata dall’art. 1, comma 25, della Legge n. 208/2015 (“Legge di stabilità 2016”).

Il nuovo Canone, così come prospettato dal Legislatore nella “Legge di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Fatturazione elettronica: il Questionario Agid-Ifel e i primi adempimenti

Ai sensi dell’art. 25, del Dl. n. 66/14, a far data dal 31 marzo 2014, l’obbligo di ricevere fatture esclusivamente

Destinazione del “2 per mille”: entro il 10 giugno 2021 l’Elenco degli Enti ammessi

Con il Dpcm. 16 aprile 2021, pubblicato in G.U. n. 126 del 28 maggio 2021, è stata disciplinata la destinazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.