Carta d’identità elettronica: il Viminale sollecita i Comuni inadempienti a compilare al più presto il Questionario

Carta d’identità elettronica: il Viminale sollecita i Comuni inadempienti a compilare al più presto il Questionario

A 4 mesi esatti dal termine fissato per l’invio dei Questionari relativi alla nuova Carta d’identità elettronica (Cie), il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, è tornato sul tema, esortando i Comuni inadempienti a provvedere prima possibile.

L’adempimento in questione era stato fissato dal Dicastero con la Circolare n. 18 del 19 ottobre 2016. I Comuni che non hanno preso parte alla sperimentazione avviata nel luglio 2016 sono stati chiamati a compilare il Questionario “Sedi Cie”, raggiungibile attraverso l’Area privata dei Servizi Demografici al seguente indirizzo: http://servizidemografici.interno.it.

Obiettivo del Questionario è consentire l’acquisizione di tutti i dati necessari e propedeutici all’attività di dispiegamento delle postazioni per l’emissione della nuova Cie.

Posto però che, ad oggi (la scadenza era il 7 novembre 2016) non risultano pervenuti tutti i Questionari, la Direzione centrale ha esortato i Comuni a provvedere con la massima urgenza.

Quanto alle Istruzioni per la compilazione, restano valide le indicazioni contenute nell’Allegato 2 della citata Circolare n. 18 del 19 ottobre 2016.


Related Articles

Patto di stabilità: intesa in Conferenza Stato-città sulla ridefinizione degli obiettivi 2015

E’ stata raggiunta nel corso della seduta del 19 febbraio 2015 della Conferenza Stato-Città e Autonomie locali, l’intesa sulla revisione

Tarsu: se i rifiuti sono assimilabili a quelli urbani, il produttore deve essere assoggettato all’Imposta anche se li smaltisce in proprio

Nella Sentenza n. 1156 del 22 gennaio 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che in tema

Spesa di personale: vi rientra anche il sussidio economico per tirocini formativi

Nella Delibera n. 23 del 23 marzo 2016 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto se il sussidio economico erogato