Catasto terreni agricoli: aggiornamento banca-dati

Catasto terreni agricoli: aggiornamento banca-dati

L’Agenzia delle Entrate, con un Comunicato pubblicato nella G.U. n. 302 del 29 dicembre 2017, ha reso noto l’Elenco dei Comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca-dati catastale eseguita sulla base del contenuto delle Dichiarazioni presentate nell’anno 2017 agli Organismi pagatori, riconosciuti ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli e messe a disposizione dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea), ai sensi di quanto previsto dall’art. 2, comma 33, del Dl. n. 262/06.

Nell’Elenco allegato al presente Comunicato i Comuni interessati sono riportati in ordine alfabetico, per Provincia.

Gli Elenchi delle particelle interessate dall’aggiornamento, ovvero di ogni porzione di particella a diversa coltura, indicanti la qualità catastale, la classe, la superficie ed i redditi dominicale ed agrario, nonché il simbolo di deduzione ove presente, sono consultabili, per i 60 giorni successivi alla pubblicazione del Comunicato in commento, presso ciascun Comune interessato, presso le sedi dei competenti Uffici provinciali – Territorio dell’Agenzia delle Entrate, e sul sito internet della stessa Agenzia, alla pagina http://www.agenziaentrate.gov.it/.

I ricorsi avverso la variazione dei redditi possono essere proposti entro il termine di 120 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del Comunicato in oggetto nella Gazzetta Ufficiale (28 aprile 2018), innanzi alla Commissione tributaria provinciale competente per territorio.


Related Articles

Manovre di fine anno 2021: previsione e integrazione di contributi/fondi in gestione ad Enti Locali

di Giuseppe Vanni Negli ultimi giorni del 2021 sono stati pubblicati sulle G.U. n. 309 del 30 dicembre 2021 e

Ora legale per l’anno 2015: in G.U. il relativo Decreto

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 263 del 12 novembre 2014 il Dpcm. 29 settembre 2014, concernente la “Determinazione del

“#prideandprejudice”: avviata la campagna del Mef per riabilitare l’immagine del Paese 

La cronaca nazionale e internazionale ci ha abituato a vedere l’Italia tra i fanalini di coda delle classifiche che misurano