Cauzione provvisoria depositata in misura diversa da quella stabilita nel bando: è ammessa la regolarizzazione

Cauzione provvisoria depositata in misura diversa da quella stabilita nel bando: è ammessa la regolarizzazione

Nella Sentenza n. 833 del 17 dicembre 2016 del Tar Abruzzo, L’Aquila, in applicazione del principio di tassatività delle cause di esclusione, sancito dall’art. 46, comma 1-bis, del Dlgs. n. 163/06, la presentazione di una cauzione provvisoria affetta da irregolarità non costituisce causa di esclusione dalla gara. Ciò in quanto l’art. 75, commi 1 e 6, del Dlgs. n. 163/06, che prescrive l’obbligo di corredare l’offerta di una garanzia pari al 2% del prezzo base indicato nel bando o nell’invito, sotto forma di cauzione o di fideiussione, a scelta dell’offerente, a garanzia della serietà dell’impegno di sottoscrivere il contratto

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Codice dei Contratti”: si allunga la strada verso la definizione del quadro delle “Linee guida” Anac

Se già prima dello scorso aprile il completamento dell’impianto di provvedimenti attuativi del nuovo “Codice dei Contratti” (Dlgs. n. 50/16)

Offerte anomale: applicazione del “fattore di correzione”

Nella Sentenza n. 13 del 30 agosto 2018 del Consiglio di Stato, l’art. 97, comma 2, lett. b), del Dlgs.

Limite di spesa sui contratti flessibili: nel calcolo anche le spese per gli incarichi ex art. 110 del Tuel

Nella Delibera n. 4 del 28 gennaio 2016 della Corte dei conti Piemonte, un Comune, nel determinare il limite di