Censimento permanente Istat: Garante Privacy, “Sì all’avvio ma servono garanzie per i cittadini”

Censimento permanente Istat: Garante Privacy, “Sì all’avvio ma servono garanzie per i cittadini”

Con Comunicato-stampa 5 ottobre 2018, il Garante per la Protezione dei dati personali ha chiesto, per le famiglie che dovranno rispondere al Questionario per il Censimento permanente con il Sistema “porta a porta”, una modalità alternativa di raccolta dei dati meno invasiva dell’intervista “faccia a faccia”.

Il Garante Privacy, dando autorizzazione all’avvio della prima fase di Censimento Istat, partito l’8 ottobre 2018, ha chiesto, ai sensi del nuovo Regolamento europeo, che per le famiglie inserite nell’indagine “porta a porta” siano previste modalità alternative all’intervista “faccia a faccia”.

Questo per evitare che la presenza fisica del rilevatore possa essere troppo invasiva e creare disagi ai cittadini, i quali si troverebbero a dare ad uno sconosciuto informazioni dettagliate relative alla propria famiglia e abitazione, a pena di sanzione.

Pertanto, sì all’avvio alla prima fase di Censimento permanente da parte dell’Istat, ma con la previsione di modalità alternative al “porta a porta”.

Prosegue il Garante Privacy sottolineando che, “per avviare le fasi successive, l’Istat dovrà quindi predisporre tutte le garanzie e le misure necessarie e non ancora individuate per conformare il trattamento dei dati alla normativa in materia di protezione dei dati personali”.


Related Articles

“Pubblico Impiego”: non è possibile riconoscere un inquadramento superiore a seguito di transazione

Nell’ambito dei rapporti di “Pubblico Impiego”, la P.A. non può riconoscere, in sede conciliativa, la qualifica superiore per le mansioni

Enti territoriali: le “Linee di indirizzo per la formazione del bilancio 2016-2018 e per l’attuazione della contabilità armonizzata”

La Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, con la Deliberazione n. 9/Sezaut/2016/Inpr del 18 marzo 2016, ha approvato “Linee

Fattura elettronica: limitatamente agli appalti pubblici, adesso è obbligatoria anche in Europa

­ Dal 18 aprile 2019 per le Amministrazioni centrali e dal 18 aprile 2020 per le Amministrazioni “sub-centrali” (Dlgs. n.

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.