Censimento permanente Istat: Garante Privacy, “Sì all’avvio ma servono garanzie per i cittadini”

Censimento permanente Istat: Garante Privacy, “Sì all’avvio ma servono garanzie per i cittadini”

Con Comunicato-stampa 5 ottobre 2018, il Garante per la Protezione dei dati personali ha chiesto, per le famiglie che dovranno rispondere al Questionario per il Censimento permanente con il Sistema “porta a porta”, una modalità alternativa di raccolta dei dati meno invasiva dell’intervista “faccia a faccia”.

Il Garante Privacy, dando autorizzazione all’avvio della prima fase di Censimento Istat, partito l’8 ottobre 2018, ha chiesto, ai sensi del nuovo Regolamento europeo, che per le famiglie inserite nell’indagine “porta a porta” siano previste modalità alternative all’intervista “faccia a faccia”.

Questo per evitare che la presenza fisica del rilevatore possa essere troppo invasiva e creare disagi ai cittadini, i quali si troverebbero a dare ad uno sconosciuto informazioni dettagliate relative alla propria famiglia e abitazione, a pena di sanzione.

Pertanto, sì all’avvio alla prima fase di Censimento permanente da parte dell’Istat, ma con la previsione di modalità alternative al “porta a porta”.

Prosegue il Garante Privacy sottolineando che, “per avviare le fasi successive, l’Istat dovrà quindi predisporre tutte le garanzie e le misure necessarie e non ancora individuate per conformare il trattamento dei dati alla normativa in materia di protezione dei dati personali”.


Related Articles

Canone Rai: diffuso il Modello per certificare il mancato possesso di una tv

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il 24 marzo 2016 sul proprio sito istituzionale il Modello con cui i titolari

Tesoreria “unica” e “unica mista”: la disciplina concernente la gestione delle stesse da parte degli Enti Locali

La disciplina concernente la gestione della Tesoreria degli Enti locali ha subìto diversi variazioni nel tempo: dal 2012 è stata

Cartella esattoriale non preceduta da avviso di accertamento: deve essere motivata in modo congruo, sufficiente e intellegibile

Nell’Ordinanza n. 31270 del 4 dicembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la cartella esattoriale,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.