Censimento permanente Istat: Garante Privacy, “Sì all’avvio ma servono garanzie per i cittadini”

Censimento permanente Istat: Garante Privacy, “Sì all’avvio ma servono garanzie per i cittadini”

Con Comunicato-stampa 5 ottobre 2018, il Garante per la Protezione dei dati personali ha chiesto, per le famiglie che dovranno rispondere al Questionario per il Censimento permanente con il Sistema “porta a porta”, una modalità alternativa di raccolta dei dati meno invasiva dell’intervista “faccia a faccia”.

Il Garante Privacy, dando autorizzazione all’avvio della prima fase di Censimento Istat, partito l’8 ottobre 2018, ha chiesto, ai sensi del nuovo Regolamento europeo, che per le famiglie inserite nell’indagine “porta a porta” siano previste modalità alternative all’intervista “faccia a faccia”.

Questo per evitare che la presenza fisica del rilevatore possa essere troppo invasiva e creare disagi ai cittadini, i quali si troverebbero a dare ad uno sconosciuto informazioni dettagliate relative alla propria famiglia e abitazione, a pena di sanzione.

Pertanto, sì all’avvio alla prima fase di Censimento permanente da parte dell’Istat, ma con la previsione di modalità alternative al “porta a porta”.

Prosegue il Garante Privacy sottolineando che, “per avviare le fasi successive, l’Istat dovrà quindi predisporre tutte le garanzie e le misure necessarie e non ancora individuate per conformare il trattamento dei dati alla normativa in materia di protezione dei dati personali”.


Related Articles

Mancato “Pareggio di bilancio 2017”: diffuso dalla Finanza locale l’Elenco dei Comuni non rispettosi e le relative sanzioni

Il Ministero dell’Interno, Direzione centrale per la Finanza locale, con il Decreto 6 giugno 2018, ha diffuso (vedasi Allegato A

Raccolta e smaltimento rifiuti: via libera all’affidamento d’urgenza del servizio se la Società “in house” è in dissesto 

Il Consiglio di Stato con la Sentenza n. 5124 del 14 ottobre 2014 affronta una questione riguardante la legittimità della

Pubblica Amministrazione: il dipendente ha diritto al risarcimento in caso di abuso di contratti a termine

Nella Sentenza n. 21937 del 28 ottobre 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che,nel regime del

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.