“Centrale unica di committenza”: semplificazione delle procedure anche per i Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti

“Centrale unica di committenza”: semplificazione delle procedure anche per i Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti

L’attuale versione del comma 3 dell’art. 23-ter del Dl. n. 90/14, convertito con Legge n. 114/14, prevede la deroga all’obbligo di approvvigionamenti tramite la Centrale unica di committenza per i Comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti, i quali possono procedere autonomamente per gli acquisti di beni, servizi e lavori di valore inferiore a 40.000 Euro. L’art. 1, comma 269, del “Ddl. Stabilità 2016” abolisce il riferimento ai 10.000 abitanti, in modo tale che tutti i Comuni possano procedere agli acquisti di importo inferiore a 40.000 Euro in via autonoma, fermo restando l’obbligo del ricorso al Mepa. Inoltre, proprio con riferimento al Mercato elettronico della P.A., viene modificato l’art. 1, comma 450, della Legge n. 296/06, prevedendo l’obbligo del ricorso al medesimo per gli acquisti di beni o servizi di importo pari o superiore a 1.000 Euro.


Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche: possono essere erogati solo dopo la predisposizione del Regolamento da parte dell’Ente

Nella Delibera n. 35 del 2 agosto 2018 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in

Dissesto degli Enti Locali: un Parere della Corte dei conti Puglia chiarisce alcuni aspetti sul tema del riparto delle competenze

Nella Delibera n. 23 del 24 marzo 2020 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere in tema di

Concessioni di servizi: non sussiste l’obbligo del pagamento del contributo Anac sulla gara

  Nella Sentenza n. 563 del 15 giugno 2017 del Tar Veneto, una Società impugna il provvedimento di ammissione di