Centrali uniche di committenza: definiti i requisiti per l’iscrizione nell’Elenco dei soggetti aggregatori

Centrali uniche di committenza: definiti i requisiti per l’iscrizione nell’Elenco dei soggetti aggregatori

Con il Dpcm. 11 novembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 15 del 20 gennaio 2015, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Mef, ha definito i requisiti per l’iscrizione nell’Elenco dei soggetti aggregatori di cui all’art. 9, comma 2, secondo periodo, del Dl. n. 66/14, convertito con modificazioni dalla Legge n. 89/14 (c.d. “Decreto Irpef”).

Ricordiamo che il citato art. 9 ha previsto che, nell’ambito della “Anagrafe unica delle stazioni appaltanti” di cui all’art. 33-ter del Dl. n. 179/12, convertito dalla Legge n. 221/12, fosse istituito – senza maggiori oneri a carico

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.


Related Articles

“Clausole sociali”: le indicazioni delle “Linee-guida” n. 13 di Anac

A dispetto dell’annunciato ripensamento del ruolo di Anac nel Settore degli appalti pubblici, così come preconizzato nella Legge-delega in materia

Commissione di gara: i Commissari diversi dal Presidente non devono aver svolto incarichi connessi al contratto in questione

Nella Sentenza n. 603 del 6 aprile 2017 del Tar Catanzaro, i Giudici si esprimono sulla composizione della Commissione giudicatrice

Permessi “104” e congedo parentale ad ore cumulabili nella stessa giornata: i chiarimenti della Funzione pubblica

Il Dipartimento della Funzione pubblica, con il Parere DFP n. 0007518-P-04/02/2021, richiesto in merito alla possibilità di cumulare nella medesima