Centrali uniche di committenza: Fassino, “Applicare stessi criteri a piccoli Comuni e grandi realtà urbane è privo di senso”

Centrali uniche di committenza: Fassino, “Applicare stessi criteri a piccoli Comuni e grandi realtà urbane è privo di senso”

 

Semplificazione per fasce demografiche omogenee, con regole crescenti al mutare della popolazione: questa la richiesta avanzata dal Presidente Anci, Piero Fassino, parlando di Centrali uniche di committenza di fronte alla platea di un evento, organizzato da Anac e Scuola nazionale dell’Amministrazione, tenutosi ieri presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il Sindaco di Torino ha evidenziato la necessità di guardare alla “geografia istituzionale” del Paese prima di regolamentare materie come quella degli appalti e ha definito “assolutamente privo di senso pretendere che le medesime regole valgano per i piccoli centri, come per le grandi realtà urbane

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Prestazioni di collaudo o arbitrato rese da dipendenti pubblici: beneficiario della quota di risparmio è l’Ente di provenienza

Nella Delibera n. 12 del 27 marzo 2015 della Corte dei conti Autonomie viene chiesto se la riduzione del 50%

Acquisti beni e servizi P.A.: aggiornati i prezzi di riferimento per le forniture di carta

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha pubblicato il 5 ottobre 2017 sul proprio sito istituzionale la Delibera n. 975 del 27 settembre

“Fondo di solidarietà comunale 2014”: assegnati i conguagli ai Comuni interessati

Con Comunicato 27 ottobre 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso noto che il 23