Certificato di malattia: in caso di rientro anticipato, non comunicato all’Inps, scatta la sanzione

Certificato di malattia: in caso di rientro anticipato, non comunicato all’Inps, scatta la sanzione

Con la pubblicazione della Circolare n. 79 del 2 maggio 2017, l’Inps ha fornito alcune indicazioni sulla rettifica di un certificato di malattia nel caso di una guarigione anticipata.

Non di rado succede che, all’effettuazione di visita medica di controllo domiciliare disposta d’ufficio, l’Istituto venga a conoscenza del fatto che un lavoratore abbia ripreso l’attività lavorativa prima della data di fine prognosi contenuta nel certificato di malattia senza aver provveduto a far rettificare la suddetta data, a fronte ovviamente di un datore di lavoro consenziente.

In presenza di un certificato con prognosi ancora incorso, il datore di lavoro non può consentire al lavoratore la ripresa dell’attività lavorativa. L’art. 2087 del Codice civile, come noto, impegna il datore di lavoro ad adottare tutte le misure necessarie a tutelare l’integrità fisica dei prestatori di lavoro e l’art. 20 del Dlgs. n. 81/08 obbliga il lavoratore a prendersi cura della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro.

Il suddetto comportamento da parte del lavoratore e dell’azienda crea pertanto una contravvenzione, oltre ad evidenti difficoltà all’Inps, e anche in virtù di ciò è stata promossa la Circolare n. 79 del 2 maggio 2017.

La rettifica della data di fine prognosi, a fronte di una guarigione anticipata, rappresenta un adempimento obbligatorio da parte del lavoratore, sia nei confronti del datore di lavoro, ai fini della ripresa anticipata dell’attività lavorativa, sia nei confronti dell’Inps, considerato che, mediante la presentazione del certificato di malattia, viene avviata l’istruttoria per il riconoscimento della prestazione previdenziale, senza necessità di presentare alcuna specifica domanda.

Nei casi in cui emerga la mancata o tardiva comunicazione della ripresa anticipata dell’attività lavorativa, saranno applicate, nei confronti del lavoratore, le sanzioni già previste per i casi di assenza ingiustificata a visita di controllo: 100% dell’indennità per massimo 10 giorni, in caso di prima assenza; 50% dell’indennità nel restante periodo di malattia, in caso di seconda assenza e 100% dell’indennità dalla data della terza assenza.

di Elisa Erriu


Related Articles

Concorrenza: i documenti scambiati nell’ambito di un procedimento di infrazione non devono essere divulgati

  Nella Sentenza n. T-623/13 del 12 maggio 2015 del Tribunale di primo grado delle Comunità europee, i Giudici  rilevano

Finanza locale 2018-2019: Sezione Autonomie Corte dei conti, “In calo i Comuni che registrano un disavanzo e in ripresa gli investimenti”

Saldo finanziario complessivo 2018 del comparto Enti Locali in linea con l’obiettivo di finanza pubblica, con ampio margine positivo, e diminuzione

Concessione beni pubblici: giurisdizione

Nella Sentenza n. 1064 del 12 febbraio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla revoca dell’aggiudicazione di