“Certificazione unica 2015”: chiarimenti sulla comunicazione del Modello “730-4” (Quadro “CT”)

“Certificazione unica 2015”: chiarimenti sulla comunicazione del Modello “730-4” (Quadro “CT”)

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 33/E del 25 marzo 2015, ha fornito chiarimenti sui termini e le modalità per la variazione, da parte di sostituti d’imposta (tra i quali rientrano anche gli Enti Locali), della scelta della sede telematica, che doveva essere effettuata entro il 7 marzo 2015 unitamente all’invio delle Certificazioni uniche (art. 4, comma 6-ter, del Dpr. n. 322/98), ai sensi dell’art. 2 del Dlgs. n. 175/14.

Al tal fine, nella “Certificazione unica 2015” è stato inserito il Quadro “CT”, nel quale vengono riportate, come specificato nelle Istruzioni al Modello “Cu 2015”, le informazioni inerenti la ricezione in via telematica dei dati relativi ai Modelli “730-4” resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate. In particolare, la compilazione del Quadro “CT” è riservata ai sostituti d’imposta che non hanno presentato, a partire dal 2011, l’apposito Modello per la “Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai Modelli 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate” e che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente.

La Sezione “A” del Quadro “CT” deve essere compilata in alternativa alla Sezione “B” qualora il sostituto d’imposta richieda, barrando la casella relativa al Servizio Fisconline o Entratel, che i dati relativi ai Modelli “730-4” dei propri dipendenti siano resi disponibili presso la propria utenza telematica.

La Sezione “B” deve essere compilata qualora il sostituto d’imposta decida di richiedere che i dati relativi ai Modelli “730-4” siano resi disponibili presso l’indirizzo telematico dell’intermediario incaricato.

Si ricorda che, in base alle Istruzioni per la compilazione del relativo Quadro “CT”, in caso di più invii contenenti almeno una certificazione dei redditi di lavoro dipendente, il Quadro “CT” deve essere compilato per ogni comunicazione.

Non verranno presi in considerazione i Quadri “CT” inviati oltre il 12 marzo, visto che la scadenza prevista era sabato 7 marzo, con possibilità di correzioni di errori entro 5 dalla scadenza originaria.

Coloro che non hanno presentato, a partire dal 2011, il Modello di cui sopra e che non hanno trasmesso il “CT” o lo hanno trasmesso oltre il 12 marzo 2015, devono utilizzare il Modello “Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi al Modello 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate” (“CSO”), approvato con Provvedimento Direttore Agenzia delle Entrate 22 febbraio 2013, disponibile sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

Anche gli Enti Locali, sostituti d’imposta rientranti tra i soggetti obbligati alla comunicazione della “Certificazione unica 2015”, sono tenuti all’attività di assistenza fiscale su richiesta del lavoratore dipendente.

Risoluzione n.33/E del 25 marzo 2015


Related Articles

L’applicabilità dell’Iva sulla “Tia2”

Nella Sentenza n. 28676 del 9 novembre 2018 della corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la disciplina

Iva: le Federazioni sportive iscritte all’Ipa rientrano nel perimetro dello “split payment” anche se non sono ricomprese nell’Elenco Istat delle P.A.

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 320 del 1° giugno 2022, ha fornito chiarimenti in ordine all’applicazione dello “split

Corte dei conti: “Linee-guida” sul bilancio di esercizio 2018 per i Collegi sindacali degli Enti del Servizio sanitario nazionale

E’ stata pubblicata sulla G.U. – Serie generale n. 170 – del 22 luglio 2019, la Delibera della Corte dei