“Cessione del Credito di Imposta” per recupero crediti fiscali e sostegno per rigenerazione Erp: Cassa Depositi e Prestiti lancia “Bonus Edilizi”

“Cessione del Credito di Imposta” per recupero crediti fiscali e sostegno per rigenerazione Erp: Cassa Depositi e Prestiti lancia “Bonus Edilizi”

Cessione del Credito di Imposta” dedicato a Imprese ed Enti Pubblici per il rapido recupero dei crediti fiscali; “Anticipo di liquidità” per agevolare le Imprese nell’avvio degli interventi e “Prestito edilizio” per supportare gli Enti pubblici nel sostenere gli interventi di rigenerazione dell’Edilizia residenziale pubblica. Queste le 3 nuove possibilità unite sotto l’etichetta “Bonus Edilizi”, il cui lancio è stato reso noto da Cassa Depositi e Prestiti con il Comunicato n. 15 del 2 febbraio 2021.

Obiettivo di questi strumenti è quello di favorire il più ampio utilizzo delle opportunità offerte dalle recenti novità normative in ambito di ristrutturazioni edilizie e di efficientamento energetico, rispondendo alle esigenze di risorse finanziarie per l’avvio degli interventi e per il recupero dei crediti fiscali in tempi più rapidi rispetto a quelli previsti dalla normativa, sulla base delle misure definite dagli artt. 119 e 121 del “Decreto Rilancio” (Dl. n. 34/2020, vedi Entilocalinews n. 30 del 27 luglio 2020).

Come illustrato dal Comunicato citato, l’offerta complessiva “Bonus Edilizi” si articola nei 3 prodotti seguenti:

• “Cessione del Credito di Imposta”: soluzione dedicata a Imprese ed Enti pubblici che permetterà, beneficiando della capienza fiscale di Cassa Depositi e Prestiti, di cedere i crediti di imposta maturati sugli interventi di ristrutturazione edilizia e di efficientamento energetico e recuperarli in tempi più rapidi rispetto ai termini previsti dalla normativa in materia;

• “Anticipo di Liquidità: finanziamenti diretti dedicati alle Imprese per rispondere alle esigenze finanziarie funzionali all’avvio degli interventi di ristrutturazione edilizia e di efficientamento energetico rientranti nelle agevolazioni fiscali previste dal “Decreto Rilancio”. Questa linea di credito è dimensionata in funzione dei contratti acquisiti e del merito creditizio dell’impresa ed è rimborsabile anche con la cessione dei crediti di imposta;

• “Prestito edilizio”: Cassa Depositi e Prestiti assicura agli Enti la copertura finanziaria degli investimenti eleggibili al c.d. “Superbonus” nonché di quelli, comunque, strumentali e/o connessi e/o accessori alle opere e lavori eleggibili alla misura.

Il finanziamento, garantito dall’Ente territoriale di riferimento, prevede la possibilità per l’Ente finanziato di cedere a Cassa Depositi e Prestiti il credito d’imposta maturato sugli investimenti oggetto del prestito, con conseguente facoltà di estinzione anticipata, parziale o totale, del finanziamento, senza la corresponsione di alcun indennizzo.

Cassa Depositi e Prestiti, inoltre, secondo modalità già avviate con altre Pubbliche Amministrazioni, può fornire agli Enti che si occupano di Edilizia residenziale pubblica (Erp) servizi di consulenza tecnica e finanziaria nell’ambito del processo di programmazione e realizzazione degli investimenti.

Tale strumento è rivolto agli Istituti autonomi case popolari e agli Enti aventi le medesime finalità sociali costituiti nella forma di Società rispondenti ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house providing”, per interventi realizzati su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei Comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica.


Related Articles

Imposta di bollo: forniti chiarimenti sul rilascio “in via telematica” di concessioni demaniali

Con la Risposta n. 588 del 17 novembre 2022, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sull’assolvimento dell’Imposta in seguito al

“Whistleblowing”: Anac lancia la nuova Piattaforma telematica per le segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti pubblici

E’ attiva dall’8 febbraio 2018 la nuova applicazione informatica ”Whistleblower” per l’acquisizione e la gestione, da parte dell’Autorità nazionale anticorruzione, delle segnalazioni

Debiti fuori bilancio: illegittimo il silenzio-rifiuto di un Comune

Nella Sentenza n. 14322 del 21 dicembre 2015 del Tar Lazio, è stato impugnato il silenzio illegittimamente serbato da un

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.