Compensazione del credito Iva: per la Sezione penale della Cassazione è illegittima qualora non sia stato inserito nella Dichiarazione annuale

Compensazione del credito Iva: per la Sezione penale della Cassazione è illegittima qualora non sia stato inserito nella Dichiarazione annuale

Corte di Cassazione, Sezione III penale, con la Sentenza n. 41229 del 14 gennaio 2018

 

Non è compensabile un credito Iva se non inserito nella Dichiarazione annuale. E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione – Sezione III Penale, con la Sentenza n. 41229 del 14 gennaio 2018, depositata recentemente.

Nello specifico, la Corte di appello di Brescia, con Sentenza 1° marzo 2017, ha confermato la precedente Sentenza con la quale, in data 17 marzo 2016, il Tribunale di Cremona aveva dichiarato la penale responsabilità del rappresentante legale di una Società in relazione alla imputazione di avere violato l’art. 10

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Spending review”: determinati i contributi alla finanza pubblica attesi da Città metropolitane e Province sarde

Al netto dei 20 milioni di Euro stanziati dall’art. 6 del Dpcm. 10 marzo 2017 e dall’art. 15 del Dl.

Lavoro flessibile: per l’Ente che nel 2009 non ha sostenuto spese il riferimento è al triennio 2007-2009

Nella Delibera n. 238 del 20 luglio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in

“Ddl. Concretezza”: la Corte dei conti si pronuncia su Pubbliche Amministrazioni e prevenzione dell’assenteismo

Istituzione di un Nucleo per la concretezza, contrasto all’assenteismo, misure per accelerare le assunzioni e agevolare il ricambio generazionale e

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.