Compensazione del credito Iva: per la Sezione penale della Cassazione è illegittima qualora non sia stato inserito nella Dichiarazione annuale

Compensazione del credito Iva: per la Sezione penale della Cassazione è illegittima qualora non sia stato inserito nella Dichiarazione annuale

Corte di Cassazione, Sezione III penale, con la Sentenza n. 41229 del 14 gennaio 2018

 

Non è compensabile un credito Iva se non inserito nella Dichiarazione annuale. E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione – Sezione III Penale, con la Sentenza n. 41229 del 14 gennaio 2018, depositata recentemente.

Nello specifico, la Corte di appello di Brescia, con Sentenza 1° marzo 2017, ha confermato la precedente Sentenza con la quale, in data 17 marzo 2016, il Tribunale di Cremona aveva dichiarato la penale responsabilità del rappresentante legale di una Società in relazione alla imputazione di avere violato l’art. 10

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Atti tributari: possono essere notificati presso l’ufficio del contribuente e ciò vale anche per i lavoratori subordinati

Nella Sentenza n. 12005 del 10 giugno 2015, la Corte di Cassazione precisa che, ai sensi dell’art. 60, comma 1,

Imposta di soggiorno: la Corte dei conti Toscana ribadisce che l’albergatore è Agente contabile

Nella Sentenza n. 81 del 27 marzo 2018 della Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale per la Toscana, viene condannata una

“Legge Delrio”: fissati i criteri per individuare beni e risorse connesse con l’esercizio delle funzioni provinciali

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 263 del 12 novembre 2014 il Dpcm. 26 settembre 2014, rubricato “Criteri per l’individuazione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.