Compensazione del credito Iva: per la Sezione penale della Cassazione è illegittima qualora non sia stato inserito nella Dichiarazione annuale

Compensazione del credito Iva: per la Sezione penale della Cassazione è illegittima qualora non sia stato inserito nella Dichiarazione annuale

Corte di Cassazione, Sezione III penale, con la Sentenza n. 41229 del 14 gennaio 2018

 

Non è compensabile un credito Iva se non inserito nella Dichiarazione annuale. E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione – Sezione III Penale, con la Sentenza n. 41229 del 14 gennaio 2018, depositata recentemente.

Nello specifico, la Corte di appello di Brescia, con Sentenza 1° marzo 2017, ha confermato la precedente Sentenza con la quale, in data 17 marzo 2016, il Tribunale di Cremona aveva dichiarato la penale responsabilità del rappresentante legale di una Società in relazione alla imputazione di avere violato l’art. 10

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Decreto Milleproroghe”: le principali disposizioni di interesse per gli Enti Locali

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 171 del 25 luglio 2018 il Dl. n. 91 del 25 luglio 2018, rubricato

Baratto amministrativo: non può essere applicato ai debiti pregressi già confluiti nella massa dei residui attivi dell’Ente

Nella Delibera n. 172 del 24 giugno 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un quesito in merito alla

Patto di stabilità interno 2015: spazi finanziari concessi agli Enti territoriali per il pagamento dei debiti in conto capitale

E’ stato riportato il 16 marzo 2015 nella Sezione “Patto di stabilità” del sito internet del Ministero dell’Economia e delle

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.