Compensi Avvocati degli Enti Locali: esclusione dei compensi professionali per le spese compensate

Compensi Avvocati degli Enti Locali: esclusione dei compensi professionali per le spese compensate

 

Nella Delibera n. 235 del 13 settembre 2017 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un parere sulla corretta interpretazione dell’art. 9 del Dl. n. 90/14 che ha imposto alle Amministrazioni l’adeguamento dei Regolamenti interni sulla disciplina dei compensi al personale addetto al Servizio di “Avvocatura”. La Sezione rileva che il Dl. n. 90/14 ha innovato la disciplina dei compensi professionali liquidati agli Avvocati pubblici e, nello specifico, in riferimento alle spese compensate per Sentenze favorevoli, ha indicato un nuovo vincolo costituito dal non superamento del corrispondente importo stanziato nell’anno 2013. Pertanto, la Sezione ha di fatto dettato uno specifico regime finanziario per i compensi agli Avvocati interni che nulla ha a che vedere con i limiti dei Fondi decentrati, la cui disciplina deve essere contenuta in via esclusiva nel Regolamento dell’Ente, in mancanza del quale l’Ente Locale non può distribuire alcun compenso. Dunque, i compensi non sono sottoposti ad alcuna contrattazione, né tantomeno entrano nei limiti del salario accessorio, rimanendo pur sempre classificabili quali compensi soggetti alle citate limitazioni previste dal Legislatore, sia in termini oggettivi (risorse che non possono superare il corrispondente importo già stanziato per l’anno 2013), sia in termini soggettivi (non potendo l’Avvocato interno ricevere compensi superiori al suo trattamento economico complessivo). In sostanza, per la Sezione la normativa non ammetterebbe ulteriori ipotesi restrittive riguardanti la soggezione dei compensi alla dinamica dei fondi della Contrattazione integrativa.


Related Articles

Enti Territoriali: equilibri di bilancio

Nella Delibera n. 102 del 20 dicembre 2019 della Corte dei conti Trentino Alto Adige (Trento), viene chiesto un parere

Segretari comunali in servizio presso Comunità montane: per i diritti di rogito vale sempre il tetto del quinto dello stipendio

Nella Delibera n. 50 del 7 ottobre 2016 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, la questione controversa in esame

Esercizi commerciali: sì della Camera alle nuova disciplina delle aperture, ora il testo passa all’esame del Senato

Via libera della Camera al provvedimento che restringe le “maglie” della liberalizzazione degli esercizi commerciali che era stata introdotta –