Compensi professionali a titolari di cariche elettiva: la Corte lombarda conferma l’eccezione per i Revisori Enti Locali

Compensi professionali a titolari di cariche elettiva: la Corte lombarda conferma l’eccezione per i Revisori Enti Locali

Nella Delibera n. 124 del 26 aprile 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere in merito all’interpretazione dell’art. 5, comma 5, del Dl. n. 78/10, convertito con modificazioni dalla Legge n. 122/10. In particolare, viene domandato se un Revisore titolare di una carica elettiva abbia diritto ora, alla luce dei recenti orientamenti giurisprudenziali e ministeriali, “a percepire il compenso professionale a suo tempo non riconosciuto e non erogato, senza che ciò comporti responsabilità dell’Ente per danno erariale”.

La Sezione statuisce che la disciplina vincolistica contenuta nell’art. 5, comma 5, del Dl. n. 78/10 si riferisce a tutte le ipotesi di incarico, comunque denominato.

Tuttavia, in forza di un’interpretazione sistematica che tenga conto della norma di interpretazione autentica di cui all’art. 35, comma 2-bis, del Dl. n. 5/12, è possibile configurare una eccezione al principio di tendenziale gratuità di tutti gli incarichi conferiti dalle Pubbliche Amministrazioni ai titolari di cariche elettive.

Tale eccezione è da intendersi riferibile alla sola tipologia di incarichi obbligatori ex lege espressamente indicati dalla predetta norma: Collegi dei Revisori dei conti e sindacali.

Il Revisore dei conti di un Comune, nominato successivamente all’entrata in vigore dell’art. 5, comma 5, del Dl. n. 78/10 e del nuovo sistema di nomina dell’Organo di revisione degli Enti Locali, ha diritto a percepire il compenso professionale ai sensi dell’art. 241 del Tuel nel caso in cui sia Consigliere comunale in altra Provincia.


Related Articles

Bilancio di previsione 2017-2019: riaperta la rilevazione del Viminale per verificare quanti Comuni l’hanno approvato

Con il Comunicato 28 marzo 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha annunciato la riapertura della rilevazione volta

Spesa di personale: requisiti per procedere a nuove assunzioni

Nella Delibera della Corte dei conti Lombardian. 332 del 16 novembre 2016, un Comune non sottoposto alle regole del Patto