Completata la ricognizione sulle opere pubbliche incompiute: con la Sicilia il totale sale a 868

Completata la ricognizione sulle opere pubbliche incompiute: con la Sicilia il totale sale a 868

Sale a quota 868 il numero delle opere pubbliche di interesse nazionale incompiute risultanti dall’aggiornamento dell’apposita Anagrafe. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha aggiornato, con il Comunicato 16 settembre 2015, il quadro diffuso lo scorso 2 luglio 2015, parziale perché a quella data non era ancora pervenuto il dato della Regione Sicilia. L’isola ha peraltro contribuito in maniera tutt’altro che irrilevante, posto che le opere da portare a termine sono ben 215, vale a dire 148 in più rispetto all’anno precedente.

Ricordiamo che gli Elenchi sono stati caricati dalle Amministrazioni titolari dei procedimenti e sono disponibili alla pagina del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti https://www.serviziocontrattipubblici.it/simoi.aspx.
La “Anagrafe delle Opere pubbliche incompiute di interesse nazionale” è stata istituita dall’art. 44-bis del Dl. n. 201/11, convertito dalla Legge n. 214/11, ed è operativa dal 2013.

Questo il quadro complessivo.

 

Regione Incompiute 2015

(anno 2014)

Incompiute 2014    

(anno 2013)

 

Abruzzo

 

40

 

33

Basilicata 34 37
Calabria 93 64
Campania 12 10
Emilia Romagna 27 24
Friuli 12 13
Lazio 54 82
Liguria 11 18
Lombardia 35 19
Marche 17 20
Molise 18 18
P.A. Bolzano 8 14
P.A. Trento 0 0
Piemonte 23 25
Puglia 81 59
Sardegna 67 68
Sicilia 215 67
Toscana 35 43
Umbria 11 17
V. d’ Aosta 1 1
Veneto 34 25
MIT 40 35
Totale  868 692

Related Articles

“Covid-19”: misure urgenti di solidarietà alimentare – gestione contabile e profili fiscali

Con l’Ordinanza 29 marzo 2020, n. 858, il Capo del Dipartimento della Protezione civile ha disposto il pagamento di Euro

Tosap: non è sempre dovuta dal gestore del “Servizio di parcheggio comunale”

Nella Sentenza n. 281/01/16 del 24 febbraio 2016 della Ctp Caltanissetta, una Società – la ricorrente – ha stipulato con

Tassazione separata: applicabile per somme volte a compensare mancati incrementi riferibili ad un periodo di vacatio contrattuale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 367 del 17 settembre 2020, ha fornito chiarimenti in ordine