Concessioni di servizi: i criteri selettivi per l’affidamento devono essere sempre predeterminati

Concessioni di servizi: i criteri selettivi per l’affidamento devono essere sempre predeterminati

Il Consiglio di Stato, Sezione Quinta, con la Sentenza n. 4913 del 2 ottobre 2014 ha statuito che sebbene la normativa comunitaria abbia tendenzialmente escluso dal proprio ambito le concessioni di servizi, le stesse non si sottraggono al rispetto dei principi fondamentali del Trattato tra i cui corollari si apprezza proprio quello della predeterminazione dei criteri selettivi. Strumento quest’ultimo indispensabile per assicurare il rispetto dei principi di trasparenza, non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità. Quindi, sia pure nell’ambito di una gara informale, le concessioni di servizi possono essere affidate solo all’esito di una procedura caratterizzata dalla predeterminazione dei criteri selettivi.


Tags assigned to this article:
Consiglio di Stato

Related Articles

Acquisti di beni e servizi: programmazione biennale per quelli di importo superiore ad 1 milione di Euro

L’art. 1, comma 273, del “Ddl. Stabilità 2016” prevede che, al fine di favorire la trasparenza, l’efficienza e la funzionalità

Consorziata esecutrice priva dei requisiti nella partecipazione alle gare

Nella Sentenza n. 6632 del 23 novembre 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda un Consorzio

Contratti pubblici: pubblicato studio sugli affidamenti in deroga alle Convenzioni Consip

Con il Comunicato 4 novembre 2015, il Presidente dell’Anac rende noto uno studio contenente le risultanze della propria indagine sugli affidamenti