Concorsi: obbligo di verifica della correttezza della domanda di partecipazione

Concorsi: obbligo di verifica della correttezza della domanda di partecipazione

Nella Sentenza n. 148 del 25 marzo 2021 del Tar Abruzzo, la controversia ha origine dal ricorso di 2 candidati ad una procedura selettiva, per titoli, per assunzioni a tempo determinato da parte di una Asl. Nel caso di specie, le ricorrenti, a causa di un mero errore materiale nella compilazione della domanda di partecipazione alla selezione (le pregresse esperienze lavorative erano state qualificate “presso strutture private” anziché “presso Pubbliche Amministrazioni”) erano state penalizzate nel giudizio di valutazione dei titoli. Nel merito, i Giudici hanno affermato che, in materia di concorsi pubblici, l’Amministrazione ha un preciso obbligo di verificare la correttezza delle domande di partecipazione alle procedure concorsuali e di attivarsi per mezzo del “soccorso istruttorioex art. 6 della Legge n. 241/1990, ove siano riscontrati meri errori materiali, agevolmente desumibili dai documenti versati in atti. Tale obbligo di verifica e di controllo permane anche nei casi in cui la domanda di partecipazione al concorso sia presentata in modo informatizzato atteso che se l’errore è riconoscibile secondo le condizioni poste dalle disposizioni del Codice civile per gli atti negoziali può richiedersi all’Amministrazione lo sforzo diligente di emendarlo autonomamente.


Related Articles

“Soccorso istruttorio”: possibile per la mancata indicazione degli oneri aziendali per la sicurezza solo se non diversamente disposto nel bando

Nella Delibera n. 757 del 5 settembre 2018 dell’Anac, viene sottoposta all’Autorità la valutazione della legittimità dell’esclusione da una gara

Contenzioso: casi di opposizione di terzo

Nella Sentenza n. 1121 dell’8 giugno 2020 della Ctr Puglia, i Giudici si esprimono sull’opposizione di terzo (ex art. 404

Trasferimenti erariali: consultabili i contributi attribuiti alle Unioni di Comuni per i Servizi gestiti in forma associata

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 15 novembre 2016, pubblicato sul proprio sito istituzionale,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.