Concorsi pubblici: il termine per impugnare gli atti decorre dalla data in cui è stato reso noto l’esito

Concorsi pubblici: il termine per impugnare gli atti decorre dalla data in cui è stato reso noto l’esito

Nella Sentenza n. 607 del 21 settembre 2017 del Tar Basilicata, un dipendente comunale impugna gli atti di approvazione della graduatoria definitiva dell’Avviso pubblico di selezione, per titoli e colloquio, per l’assunzione a tempo determinato di un’unità nel profilo di collaboratore tecnico professionale-sociologo, Categoria “D”.

I Giudici chiariscono che, in linea generale, nei concorsi a posti di pubblico impiego, il termine per l’impugnazione degli atti di concorso decorre dalla data di conoscenza del relativo esito, che si fa coincidere con il provvedimento di approvazione della graduatoria, in quanto solo da detto atto può scaturire la lesione attuale della posizione degli interessati e la sua conoscenza reca in sé tutti gli elementi che consentono all’interessato di percepirne la portata lesiva. Inoltre, i Giudici pongono in evidenza che il Dpr. n. 220/01, recante la disciplina concorsuale del personale non dirigenziale del Servizio sanitario nazionale, richiamato dall’avviso pubblico in questione, dispone, all’art. 18, che la graduatoria dei concorsi venga pubblicata nel Bollettino ufficiale regionale, evidentemente onde adempiere all’obbligo di rendere pubblico e conoscibile l’esito del concorso, nonché per l’effetto della conoscenza legale, mentre dagli atti di causa tale pubblicazione non risulta essere stata effettuata.


Related Articles

Affidamento diretto alle Cooperative sociali: occorre l’iscrizione all’Albo regionale

Nella Sentenza n. 3 dell’11 gennaio 2016 del Tar Calabria, Catanzaro, la Giunta di un Comune ha adottato un atto

Anticipo del Tfr/Tfs: la Funzione pubblica sollecita gli Enti a sbloccare le procedure

Il Dipartimento della Funzione pubblica, con Nota emanata il 13 gennaio2021, Protocollo n. 1975, ha richiamato i datori di lavoro

“Dichiarazione precompilata”: definite le modalità di utilizzo dei dati delle spese sanitarie dal periodo d’imposta 2016

Con il Provvedimento 29 luglio 2016 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, sono state confermate le modalità tecniche di utilizzo, di