Concorsi: valutazione anzianità di servizio

Concorsi: valutazione anzianità di servizio

Nella Sentenza n. 292 del 24 maggio 2021 del Tar Abruzzo, i Giudici hanno affermato che ai fini del calcolo dell’anzianità di servizio non possono essere cumulate prestazioni lavorative svolte nello stesso periodo perché ciò comporterebbe una duplicazione artificiosa della stessa frazione temporale ai fini della valutazione del requisito di accesso. Infatti, l’anzianità di servizio è collegata alla durata dell’applicazione del lavoratore a determinate mansioni e, se considerata come requisito di accesso a determinati profili, costituisce la misura dell’esperienza a tal fine richiesta. Essa, pertanto, non può che essere valutata sotto il profilo quantitativo. Peraltro, i Giudici precisano che ai fini dell’ammissione al concorso pubblico a posti di referendario del ruolo dei magistrati amministrativi non è autonomamente valutabile come anzianità di servizio il periodo di iscrizione all’elenco speciale dell’albo degli avvocati coincidente con l’attività contemporaneamente svolta di funzionario amministrativo, essendo inammissibile che lo stesso periodo lavorativo sia soggetto ad una duplice valutazione con duplicazione anche dei relativi punteggi. Ne consegue che i periodi di servizio svolti da un dipendente presso due Comuni, coincidenti temporalmente quasi per intero, non possono essere cumulati, ma devono essere calcolati come un unico servizio della maggior durata risultante dalla sovrapposizione di entrambi.


Related Articles

Trasmissione telematica dei corrispettivi: non dovuta per gli spettacoli certificati già con misuratori fiscali o biglietterie automatizzate

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 506 del 10 dicembre 2019, ha fornito chiarimenti all’obbligo o

Contratto di “leasing in costruendo”: modalità di contabilizzazione di lavori aggiuntivi

Nella Delibera n. 422 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sui criteri di

Aggiornamento catastale: dal 1º giugno gli atti possono essere presentati solo attraverso il canale telematico

Con il Provvedimento Prot. 2015/35112 datato 11 marzo 2015, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che, a partire dal 1° giugno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.