Concorso pubblico: accessibilità delle prove orali audio-video

Concorso pubblico: accessibilità delle prove orali audio-video

Nella Sentenza n. 14140 del 10 dicembre 2019 del Tar Lazio, i Giudici amministrativi hanno accolto il ricorso di un concorrente, non classificatosi tra i vincitori di un concorso, ad accedere alle riproduzioni audio-video delle prove orali dei concorrenti risultati vincitori. I Giudici hanno affermato che, essendo la prova orale di un concorso certamente riconducibile al procedimento concorsuale, la sua riproduzione audio-video deve ritenersi accessibile, in quanto documento informatico detenuto da una Pubblica Amministrazione e concernente attività pubblicistica dalla stessa posta in essere, senza che possa in alcun modo avere rilevanza la circostanza che si tratti di documenti non aventi ad oggetto un atto formato dalla Pubblica Amministrazione. Peraltro, i Giudici evidenziano che sussiste il diritto ad accedere a tutti gli atti della procedura concorsuale e non vi sono limiti ai documenti ostensibili, essendo noto che le domande e i documenti prodotti dai candidati, i verbali, le schede di valutazione e gli stessi elaborati di un concorso pubblico costituiscono documenti rispetto ai quali deve essere esclusa in radice l’esigenza di riservatezza e tutela dei terzi, posto che i concorrenti, prendendo parte alla selezione, hanno acconsentito a misurarsi in una competizione di cui la comparazione dei valori di ciascuno costituisce l’essenza della valutazione. In ogni caso, attesa la specifica natura dei documenti in questione (registrazioni audio-video delle prove orali), qualora dovesse profilarsi un contrasto tra esigenze di privacy dei terzi e il diritto di accesso, trattandosi di accesso per fini di necessità difensive, queste ultime dovrebbe comunque ritenersi prevalenti. Tuttavia, l’Amministrazione potrà adottare accorgimenti tecnici idonei a contemperare l’interesse all’accesso e quello alla riservatezza dei terzi.


Related Articles

Imposta di soggiorno: la Corte dei conti Toscana ribadisce che l’albergatore è Agente contabile

Nella Sentenza n. 81 del 27 marzo 2018 della Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale per la Toscana, viene condannata una

Amministratori comunali coinvolti in procedimenti penali: rimborsabilità delle spese legali

Nella Delibera n. 166 del 27 maggio 2015 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha richiesto un parere in

Applicazione art. 110 Tuel: gli incarichi dirigenziali a contratto nella più recente giurisprudenza

L’art. 110 del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel) riconosce agli Enti Locali la possibilità di acquisire professionalità esterne all’Ente, attraverso il

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.