Condanna di una Insegnante per aver svolto attività di Presidente di una Società pubblica senza ottenere la prescritta autorizzazione

Condanna di una Insegnante per aver svolto attività di Presidente di una Società pubblica senza ottenere la prescritta autorizzazione

Corte dei conti – Sezione Seconda Giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 194 del 4 giugno 2019

Oggetto

Condanna di una Insegnante per aver svolta l’attività di Presidente di una Società pubblica senza ottenere la prescritta autorizzazione: conferma Sentenza della Sezione territoriale per l’Emilia-Romagna n. 61/2015.

Fatto

Dal 2006 al 2012 una Insegnante di Scuola elementare ha svolto anche l’attività di Presidente del Consiglio di amministrazione di una Società pubblica (“Trasporto locale”), partecipata dal Comune e dalla Provincia.

La Procura contabile, su segnalazione dell’Ufficio scolastico provinciale e dalle verifiche della Guardia di Finanza, contesta all’Insegnante di aver assunto tale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incarichi a soggetti che rivestono cariche elettive: non è possibile erogare un compenso

Nella Delibera n. 149 del 18 novembre 2015 della Corte dei conti Emilia Romagna, la richiesta di parere in esame

Fatturazione elettronica: divieto pagamenti delle fatture analogiche e modello di comunicazione per fornitori inadempienti

Dal 31 marzo 2015, come previsto dall’art. 25 del Decreto del 24 aprile 2014, n. 66, convertito con modifiche nella

Servizi Demografici: le Autorità competenti al rilascio delle “apostille” sugli atti pubblici tunisini sono i Notai

Dal 1° marzo 2019, i Notai sono le Autorità competenti al rilascio delle “apostille” sugli atti pubblici tunisini. E’ quanto

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.